ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Regionali in Francia: vincono astensione e tradizione

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Elezioni regionali e dipartimentali in Francia: l'astensionismo supera il 66%
Elezioni regionali e dipartimentali in Francia: l'astensionismo supera il 66%   -   Diritti d'autore  David Vincent/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Dalla urne una lezione a maggioranza, estrema destra e politica in generale

Più che un termometro delle prossime Presidenziali, una lezione all'estrema destra, alla maggioranza di governo e alla politica in generale. All'insegna di un astensionismo record, il secondo turno delle elezioni regionali e dipartimentali in Francia conferma un ritorno alla tradizionale contrapposizione fra centro-destra e centro-sinistra, una crescente disaffezione nei confronti della politica e una frenata del partito di Marine Le Pen.

La presidente del Rassemblement National, che fallisce in Provenza-Costa Azzurra l'unica possibilità di strappare la guida di una regione, imputa il risultato ad "alleanze contronatura" siglate dai candidati di altre forze politiche, per fare muro al suo partito.

Michel Spingler/AP
Marine Le Pen accusa gli altri partiti: "Alleanze contronatura per impedirci di vincere"Michel Spingler/AP

Astensionismo da record: confermati i picchi del primo turno

Mai così alto, l'astensionismo si è confermato ai livelli già mostrati in occasione del primo turno, superando la soglia del 66%. Cifre che rassicurano gli elettori del partito di Marine Le Pen, almeno in vista delle prossime Presidenziali: "A vincere è stato l'astensionismo - l'analisi di una di loro -. Impossibile quindi trarre qualsiasi indicazioni in vista del voto del prossimo anno".

Michel Euler/AP2010
Torna, su scala locale, la contrapposizione fra partiti tradizionaliMichel Euler/AP2010

Tradizione e conservazione: confermati i presidenti uscenti, tornano i partiti tradizionali

Virtualmente fuori dai giochi già dal primo turno, resta a mani vuote anche il partito del presidente Macron che, mai radicato a livello locale, ha pagato la conferma di tutti i presidenti di Regione uscenti, che concorrevano per la rielezione . Risultato: la riaffermazione della contrapposizione fra partiti tradizionali, su scala nazionale messi all'angolo dalla rivoluzione macronista: da una parte il centrodestra dei "Les Républicains", che guadagna terreno, e dall'altra i socialisti, che a sinistra si impongono sui Verdi, impedendo agli ecologisti di bissare il successo ottenuto alle municipali