ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Caso Bygmalion: chiesto un anno di reclusione per Nicolas Sarkozy

Di Euronews
euronews_icons_loading
L'ex presidente francese Nicolas Sarkozy
L'ex presidente francese Nicolas Sarkozy   -   Diritti d'autore  CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Un anno di prigione, di cui sei mesi da scontare in carcere, e una multa di 3.750 euro. E' la condanna chiesta dall'accusa per l'ex capo di stato francese Nicolas Sarkozy, sotto processo a Parigi per le spese illecite risalenti alla campagna presidenziale del 2012. Per gli altri 13 imputati sono state chieste condanne da 18 mesi a quattro anni di reclusione.

Secondo l'accusa Bygmalion, la società che gestiva la comunicazione e la campagna presidenziale di Sarkozy, sarebbe stata usata per sostenere una parte dei costi per la campagna. Attività che, a norma di legge, spetterebbe invece alle associazioni create a questo scopo. Bygmalion avrebbe emesso false fatture per circa 20 milioni di euro all'UMP, l'ex partito di Sarkozy, con il pretesto di organizzare per il partito una serie di eventi. In questo modo Sarkozy avrebbe usato per la campagna elettorale più di 42 milioni di euro, quasi il doppio del limite di spesa fissato dalla legge.

Sarkozy, al contrario degli altri 13 imputati, non è accusato di essere direttamente coinvolto nell'organizzazione dei finaziamenti illeciti. Per l'accusa, però, l'ex presidente non poteva non sapere. Lo scorso marzo Sarkozy era stato condannato in primo grado a 3 anni, di cui uno da scontare in carcere, per corruzione e traffico di influenze.