ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Svizzera si tiene i pesticidi e limita la carbon tax

Di euronews
euronews_icons_loading
La Svizzera si tiene i pesticidi e limita la carbon tax
Diritti d'autore  AP / Martial Trezzini
Dimensioni di testo Aa Aa

La potente lobby dei pesticidi sbaraglia il referendum per la loro abolizione che si è celebrato nella Confederazione elvetica.

Gli svizzeri hanno paura di perdere la sovranità alimentare garantita dalla chimica: va anche detto che nessun grande Paese ha finora vietato i pesticidi sintetici.

Solo il Bhutan aveva annunciato alcuni anni fa di voler diventare il primo Paese al mondo con un'agricoltura "100% biologica".

In Confederazione, peraltro, l'azienda Syngenta, recentemente acquisita da Chem-China, è grande produttrice della chimica per le coltivazioni intensive.

Anche la lotta al surriscaldamento climatico si affievolisce

Anche la carbon tax non verrà rafforzata, e questo nonostante l'impennata termica che sconta il territorio elvetico per via del surriscaldamento generale.

La proposta avrebbe rivisto e rafforzato una legge esistente che mirava a ridurre le emissioni di CO2 entro il 2030, avrebbe promulgato nuove tasse sul carburante e sul gas naturale che generano CO2, nonché sui biglietti aerei.

Gli allarmi della sinistra e dell'opposizione non hanno fatto cambiare idea agli svizzeri, che si tengono i pesticidi ma hanno deciso di rafforzare le misure di Polizia contro il terrorismo.

I democentristi si dicono delusi dal netto veto del popolo e comunicano che metteranno in campo una nuova raccolta firme contro le modifiche della legge risalenti al 19 marzo scorso.