ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Perché la proclamazione di una festa nazionale in Bielorussia ha fatto infuriare la Polonia

maggio 2015 Truppe della Marina polacca ai piedi del monumento ai difensori della penisola di Westerplatte, dove furono sparati tra i primi colpi della seconda guerra mondiale
maggio 2015 Truppe della Marina polacca ai piedi del monumento ai difensori della penisola di Westerplatte, dove furono sparati tra i primi colpi della seconda guerra mondiale   -   Diritti d'autore  Czarek Sokolowski/AP2009
Dimensioni di testo Aa Aa

Il ministero degli Esteri polacco ha espresso indignazione per la decisione delle autorità bielorusse di celebrare la Giornata dell'unità nazionale il 17 settembre.

Il giorno festivo è programmato infatti per coincidere con l'ingresso delle truppe sovietiche in Polonia nel 1939, - come ha spiegato nell'amministrazione di Alexander Lukashenko . Il 17 settembre, l'Armata Rossa ha attraversato il confine e ha occupato il territorio definito dall'accordo tra Mosca e Berlino sulla divisione del paese. "Questo giorno è diventato un atto di giustizia storica per il popolo bielorusso, diviso contro la sua volontà nel 1921", si legge nella spiegazione del decreto.

Per la Polonia, il patto sovietico-nazista Molotov-Ribbentrop sulla non aggressione e sulla divisione delle zone di influenza fu causa diretta dello scoppio della seconda guerra mondiale. A tal proposito, Varsavia ricorda la risoluzione del Parlamento europeo del 2019, che parlava della responsabilità dell'URSS e della Germania nazista nello scoppio del conflitto.

L'attacco congiunto dell'URSS e dei nazisti alla Polonia ha segnato l'inizio della peggiore guerra della storia mondiale, che ha causato la morte di 60 milioni di persone, compresi i bielorussi.
Molti di loro morirono nei campi di concentramento tedeschi e nei campi di lavoro forzato sovietici. Per diverse centinaia di migliaia di civili polacchi, il 17 settembre 1939 significò la privazione della cittadinanza polacca, della dignità e della morte nelle remote regioni della Russia sovietica
Zbigniew Rau
Ministero degli Affari Esteri della Polonia

Il ministero degli Esteri polacco ha accusato il presidente bielorusso Aleksandar Lukashenko di glorificare l'eredità sovietica e di cercare di "separare la Bielorussia dalle sue vere radici". Varsavia considera l'istituzione della Giornata dell'Unità Nazionale un duro colpo per l'indipendenza e la sovranità della vicina repubblica.

Lukashenko ha ripetutamente affermato l'importanza della cooperazione sovietico-nazista nella storia della Bielorussia. Nel 2019, in un'intervista all'Eco di Mosca, dichiarò che Stalin avrebbe dovuto erigere un monumento per il patto Molotov-Ribbentrop.

Nel 1989, il Congresso dei deputati del popolo dell'URSS condannò i protocolli segreti del patto Molotov-Ribbentrop. Negli ultimi anni, le autorità russe hanno giustificato la spartizione congiunta della Polonia con la Germania nazista come misura per proteggere la popolazione civile dai nazisti. Lo stesso patto di non aggressione, secondo la versione della storiografia sovietica, ripetuta dal presidente Vladimir Putin, ha permesso all'URSS di posticipare l'inizio della guerra con la Germania. Queste azioni avrebbero contribuito a salvare milioni di vite.