ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Colombia brucia, nuove tensioni fra governo e manifestanti

euronews_icons_loading
Cali, Colombia
Cali, Colombia   -   Diritti d'autore  LUIS ROBAYO/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Unione europea invita la Colombia a impegnarsi in un dialogo forte e inclusivo con tutti gli attori politici.

Un incontro tra i leader della protesta colombiana e il presidente Duque si è interrotto senza risultati per frenare due settimane di proteste antigovernative. Almeno 27 manifestanti e un poliziotto sono morti. Migliaia i feriti da una parte e dall'altra.

Il presidente Duque ha indetto un tavolo di dialogo, ma i risultati sono stati pressochè inutili

L'ambasciatore colombiano presso l'UE dice che le autorità stanno già indagando su 61 casi di presunto uso eccessivo della forza, ma incolpa gruppi radicali infiltrati per la situazione.

Felipe García Echeverri ambasciatore della Colombia presso l'UE: "Nel bel mezzo della protesta si è infiltrata la violenza. Una violenza sistemica che ha in qualche modo causato una situazione che colpisce la vita di tutti i cittadini, non solo quella di chi protesta pacificamente ma anche di chi non protesta e si trova in questa situazione che lede i diritti di tutti".

Le proteste sono stae provocate da una una riforma fiscale che il governo ha accettato di ritirare. Ma nonostante ciò, la protesta prosegue con la stessa intensità.

La precarietà della situazione economica è stata aggravata dalla pandemia.

Questa è l'analisi di un attivista a Bruxelles: "Penso che ci sia una mancanza di volontà da parte del governo colombiano. Ma penso anche che manchi un intervento molto più forte da parte dell'UE, degli Stati Uniti, della comunità internazionale per fare pressione sul governo colombiano e fermare la violenza contro la protesta sociale che è una violenza che ha assunto il carattere di una guerra ”.

L'UE ha anche lanciato un appello a fermare l'uso eccessivo della forza nel reprimere tali proteste, ma condanna l'uso della violenza da parte di coloro che si mescolano a manifestanti pacifici solo per commettere atti di vandalismo.