25 Aprile: Decaro,seconda volta difficile parlare di Libertà

"Ce ne sentiamo privati, ma dovere ricordare chi ha lottato"
"Ce ne sentiamo privati, ma dovere ricordare chi ha lottato"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 25 APR - "Buona festa della Liberazione a tutta Italia. Il secondo 25 aprile in cui è difficile parlare di Libertà. Tutti oggi ce ne sentiamo privati. Ma in questa giornata abbiamo il dovere di ricordare chi ha lottato per liberare il nostro Paese. Con la speranza che presto anche noi potremo liberarci delle paure che accompagnano questo periodo. Per tornare a sperare e a guardare al futuro". E' il messaggio che il sindaco di Bari e presidente dell'Anci, Antonio Decaro ha pubblicato su facebook in occasione della festa della Liberazione. Decaro questa mattina insieme al prefetto di Bari , Antonia Bellomo, e al presidente provinciale dell'Anpi Ferdinando Pappalardo, ha deposto una corona di fiori ai piedi della lapide commemorativa dei caduti partigiani affissa sulla facciata esterna del Palazzo di Città. si è poi spostato sotto l'adiacente colonnato del teatro Piccinni dove una cantante ha eseguito una versione di 'Bella ciao' accompagnata da un fisarmonicista. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Commissione Ue, il possibile ritorno di Mario Draghi in Europa piace in Italia

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista