This content is not available in your region

A 35 anni dall'incidente di Chernobyl alcuni sono tornati a vivere nella zona di esclusione

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  Afptv

A 35 anni dal disastro di Chernobyl questa è la storia di un residente di 85 anni che vive nella zona di esclusione.

Tra file di case abbandonate da tempo e segnali di pericolo per le radiazioni, Yevgeny Markevich trae il meglio dalla vita come uno dei pochi residenti permanenti della zona di esclusione di Chernobyl.

Yevgeny Markevich, abitante di Chernobyl: "Sono arrivato qui usando tattiche di guerriglia tre volte. Una volta vestito da poliziotto o passando su sentieri nascosti attraverso la foresta. Quando vuoi qualcosa, non c'è niente che possa fermarti".

Markevich è stato assunto come insegnante fino al 1986 fino a quando non è finito qui. Come molti altri pensionati ucraini che vivono nelle zone rurali, taglia la legna per il freddo inverno, coltiva le verdure con la moglie in estate e gira per i boschi con la sua vecchia macchina Lada.

Continua Yevgeny Markevich: "Queste regole di sicurezza contro le radiazioni sono sempre presenti; devi solo seguirle diligentemente. Anche se ovviamente non puoi farlo perfettamente e ovviamente a un certo punto riceverai un eccesso di radiazioni commettendo un errore, ma puoi ancora in gran parte tenerti al sicuro".

Markevich dice che coltiva patate e cetrioli in una serra. Sottopone la sua produzione per i test in un laboratorio e Markevitch dice che "tutto è nella norma".

Yevgeny Markevich, abitante di Chernobyl: "È una grande gioia vivere a casa tua, ma è anche triste che non sia più come prima, come eravamo abituati".

Gli esperti stimano che l'area non sarà sicura per l'abitazione umana per centinaia o addirittura migliaia di anni, ma ciò non ha fermato Markevich che afferma che né lui né sua moglie hanno avuto complicazioni di salute legate alle radiazioni nell'area.