EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

25 aprile, Draghi: "Non tutti gli italiani brava gente, non scegliere è immorale"

Le Frecce Tricolori
Le Frecce Tricolori Diritti d'autore HANDOUT/AFP or licensors
Diritti d'autore HANDOUT/AFP or licensors
Di Stefania De Michele
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Celebrazioni per il 76esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Il discorso di Draghi, la cerimonia con Mattarella all'Altare della Patria

PUBBLICITÀ

La resistenza è quell'umanità multiforme, sacrificata, che ha trovato riparo sui monti per combattere contro gli invasori, raccontata da Calvino nel suo primo romanzo ''Il sentiero dei nidi di ragno''.
È il dolore della piaga ancora aperta lasciata dalla guerra civile ed è un dolore che tracima dalle pagine de "La ragazza di Bube" di Cassola.
È la scelta di parte: "Ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire", come aveva invitato a fare Sandro Pertini, il 25 aprile del 1945, dai microfoni di Radio Milano Liberata. .
E oggi, 76 anni più tardi, il premier Draghi ha invitato a ricordare: "Dobbiamo ricordare - ha detto - che non scegliere è immorale, per usare le parole di Artom (partigiano e combattente della Resistenza, ndr)".

Un messaggio che conserva un'attualità stringente perché - ha continuato Draghi al Museo della Liberazione di Roma - ''libertà e diritti non sono conquistati per sempre e non sono barattabili con nulla, sono più fragili di quanto si pensi. Constatiamo con preoccupazione l’appannarsi dei confini che la storia ha tracciato tra democrazie e regimi autoritari, qualche volta persino tra vittime e carnefici. Vediamo crescere il fascino perverso di autocrati e persecutori delle libertà civili, soprattutto quando si tratta di alimentare pregiudizi contro le minoranze etniche e religiose".

"Questa ricorrenza non deve invecchiare, non deve subire l’usura del tempo - ha raccomandato il premier - Nel conoscere in profondità la storia di quegli anni, del fascismo e dell’occupazione nazista, saremo più consapevoli dell’importanza dei valori repubblicani e di come sia essenziale difenderli ogni giorno (...) La riconciliazione avviene nel ricordo, che serve a dirci quello che non vogliamo ripetere".

La festa del 25 aprile celebra la liberazione dell'Italia dall'occupazione nazista e dal regime fascista. Per il secondo anno consecutivo che le celebrazioni coincidono con uno stato di costrizione collettiva, resa necessaria dalla crisi Covid e decisa dai rappresentanti della sovranità popolare riconquistata al totalitarismo fascista. "Era giunta l’ora di essere uomini": così il padre Costituente Piero Calamandrei aveva spiegato la necessità di resistere. All'Altare della Patria, il presidente Sergio Mattarella ha reso omaggio al sacrificio di tanti partigiani e resistenti con una corona di fiori sulla Tomba del Milite Ignoto.

"Questa giornata, per gli italiani, rappresenta la festa civile della riconquista della libertà - ha detto Mattarella - La vittoria dell'umanità sulla barbarie. Il giorno di un nuovo inizio, pieno di entusiasmo, portato a compimento con la Costituzione Repubblicana del 1948".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

25 aprile, festa della Liberazione

Il presidente Mattarella s'inchina da solo davanti all'Altare della Patria per il 25 aprile

Commissione Ue, il possibile ritorno di Mario Draghi in Europa piace in Italia