ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le divisioni sui vaccini che flagellano l'Europa

euronews_icons_loading
Le divisioni sui vaccini che flagellano l'Europa
Diritti d'autore  KAMIL KRZACZYNSKI/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Ennesimo colpo al piano vaccinale dell'UE.

La casa farmaceutica Johnson&Johnson ha problemi di fornitura e non sarà in grado di fornire 55 milioni di dosi dei 200 milioni che l'unione europea ha ordinato.

Una notizia arrivata solo un giorno prima dell'approvazione del vaccino da parte dell'Agenzia europea del farmaco. I deputati europei sono furiosi.

"E' molto importante che i nostri accordi con le aziende vengano rispettati - afferma Heléne Fritzon, vicepresidente del gruppo dei socialisti e responsabile per le questioni sanitarie- Farò pressioni sulla Commissione europea affinchè segua la questione, visto che il tempo è un fattore molto importante. Riguarda la salute, la vita e la sicurezza delle persone".

L'Unione europea ha davvero bisogno di quei vaccini: finora, solo il 6,1% dei cittadini europei è stato vaccinato, mentre nel Regno unito sono il 33,1% e il 57% in Israele.

I deputati sono preoccupati per la credibilità del progetto europeo, ma credono che sia meglio restare uniti.

"Penso che possiamo fare meglio se abbiamo un accordo solo - continua Fritzon-. Con 27 accordi nell'UE sarebbe più rischioso. L'unico modo per andare avanti è conti nuare a cooperare e mostrare solidarietà e fare pressione sulla Commissione di certo. Ho anche una domanda agli Stati membri dell'UE che non si fidano: dicono che ci sono riserve di vaccini...dove sono allora?".

Allo stato attuale, l'UE ha iniziato a usare Pfizer-BioNTech, Moderna e AstraZeneca, i 3 vaccini già approvati dall'EMA.

Johnson&Johnson potrebbe ottenere l'ok questo mercoledì, mentre Curevac, Novavax e Sputnik nei prossimi mesi.

Ma la promessa di Ursula Von der Leyen di vaccinare l'80% della popolazione adulta entro l'estate sarà difficile da mantenere.

Ecco perché la priorità della Commissione europea è mantenere in Europa ciò che viene prodotto in Europa. Ed è per questo che ha bloccato l'esportazione di Astra Zeneca verso l'Australia.

"Dobbiamo assicurarci che le aziende con le quali abbiamo firmato i contratti si mettano nelle condizioni di fornire ciò che ci aspettiamo - ribadisceThierry Breton, Commissario europeo per il mercato unico-. Ho sostenuto di disporre di strumenti per garantire che ciò accada".

Nel tentativo di accelerare le cose, la presidente della Commissione europea ha annunciato che nelle prossime due settimane verranno inviate agli Stati membri dell'UE altre 4 milioni di nuove dosi di Pfizer-BioNtech.