EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Vaccini: la paura razionale, la paura irrazionale

Vaccini: la paura razionale, la paura irrazionale
Diritti d'autore Ben Curtis/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Ben Curtis/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Paolo Alberto ValentiLena Roche
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il caos che si è generato attorno al vaccino AstraZeneca ha scatenato problematiche di vario tipo, anche sul piano della paura irrazionale per gli eventuali rischi collaterali che in realtà investono la maggior parte dei farmaci e dei vaccini sul mercato

PUBBLICITÀ

Il temporaneo stop al vaccino AstraZeneca in diversi paesi europei ha generato confusione. Molti possibili utenti temono i rischi degli effetti collaterali del vaccino più del coronavirus. Abbiamo parlato con lo psichiatra tedesco Borwin Bandelow della paura razionale e irrazionale delle persone.

Paura dell'ignoto

"Ogni volta che c'è un pericolo, abbiamo paura, soprattutto se appare nuovo e ingestibile. Un anno fa era il coronavirus lo spauracchio, poi piano piano ci siamo abituati e la nostra valutazione del rischio è rientrata nella normalità. Adesso abbiamo paura della vaccinazione perché rappresenta la novità. C'è anche il rischio di doversi recare nei siti di vaccinazione per farsi praticare l'iniezione, sia che tu prenda da solo la decisione che la decisione non sia presa da altre persone per te. Col coronavirus, se ti ammali diventa un po' una sorte del destino ma se vai a farti vaccinare diciamo che è colpa tua - ci ha detto il Prof. Dr. Borwin Bandelow, Psichiatra e ricercatore sull'ansia .

Quando c'è una minaccia nuova e sconosciuta, gli esseri umani sono programmati per reagire istintivamente con la paura, le regole della logica sono abolite e questo deforma la valutazione del rischio.

"Abbiamo due sistemi nel cervello, vale a dire il cervello della paura, che è semplice e primitivo a livello di un pollo incapace di elaborare le statistiche - prosegue Bandelow -  D'altra parte abbiamo un cervello razionale, che può comprendere numeri e statistiche più o meno bene. Dopo un certo tempo, la mente razionale riprenderà il sopravvento, il che significa che tra quattro settimane da oggi, questa agitazione per possibili effetti collaterali sarà molto diminuita .

Il nostro cervello della paura non è ricettivo alle statistiche, ma viene rassicurato nel vedere altre persone che vengono vaccinate e non subiscono danni.

Borwin Bandelow (1951, Gottinga) è uno specialista di neurologia e psichiatria in qualità di psicologo e psicoterapeuta. È Professore Ordinario di Psichiatria e Psicoterapia e Vicedirettore del Dipartimento di Psichiatria e Psicoterapia presso l'Università di Göttingen e vanta una fama internazionale come esperto dei disturbi dell'ansia.  È autore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche. Bandelow è presidente della Società tedesca per la ricerca sull'ansia.Dal 2007, Bandelow è un membro della band di medici di Göttingen "Hot Docs".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Durante la pandemia ci si è vaccinati meno contro altre malattie: sarà un problema

Vaccini: via libera dell'Ema a Johnson & Johnson

Le divisioni sui vaccini che flagellano l'Europa