ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Golden Globes: trionfo per "Nomadland", "Borat" e Laura Pausini

Di Euronews Cultura - ANSA - AP
euronews_icons_loading
Golden Globes: trionfo per "Nomadland", "Borat" e Laura Pausini
Diritti d'autore  NBC/2021 NBCUniversal Media, LLC
Dimensioni di testo Aa Aa

Hollywood in streaming e al femminile, per l'edizione 2021 dei "Golden Globe Awards", premiazione andata in scena domenica sera da Los Angeles.

La regista americana di origine cinese Chloè Zhao, 38 anni, vince un Golden Globe per "Nomadland" e fa la storia: è la prima regista donna dal 1984 a ottenere questo riconoscimento.

"Nomadland" fa il pieno

Chloè Zhao era una delle tre donne candidate al premio per la regia, insieme a Regina King e Emerald Fennel: un altro primato nella storia dei "Golden Globes", organizzati dall'HFPA (Hollywood Foreign Press Association).

"Voglio ringraziare specialmente i nomadi che hanno condiviso con me le loro storie. Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile fare ciò che amo, grazie mille", dichiara in collegamento Chloè Zhao.

AP Photo
Il saluto di Chloè Zhao.AP Photo

"Nomadland", nominato miglior film drammatico, con Frances McDormand nella parte principale, sta raccogliendo successi ovunque: a settembre dell'anno scorso ha vinto anche il "Leone d'Oro" alla Mostra del Cinema di Venezia.

Eterno Borat!

Il miglior film comico è "Borat Subsequent Movie Film", nuovo episodio di Borat, cavallo di battaglia dell'irriverente attore inglese Sacha Baron Cohen.

Irriverente anche nella sua prima dichiarazione dopo il premio:
"Attenti, perchè Donald Trump sta contestando il risultato. Sta sostenendo che un sacco di gente morta ha votato, ed è una cosa molto scortese da dire sugli organizzatori...".

AP Photo
L'irriverenza di Sacha Baron Cohen.AP Photo

Dal 2006, il personaggio di Borat il kazako sta regalando molte soddisfazioni e popolarità (oltre a critiche e cause legali...) a Sacha Baron Cohen.

"The Crown" colpisce ancora

L'attrice inglese Emma Corrin vince il Golden Globe per l'interpretazione di Lady D nella serie tv "The Crown".
La serie è incentrata sulla vita della Regina Elisabetta e sulla famiglia reale britannica.

Un Golden Globe italiano

Infine, un Golden Globe tutto italiano per la musica: a Laura Pausini e la sua canzone "Io sì" - scritta con Diane Warren e Niccolò Agliardi - inserita nel film "The Life Ahead" di Edoardo Ponti, con la mamma, Sophia Loren, nel ruolo della protagonista.