ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: in Francia sorveglianza rafforzata in 20 dipartimenti

euronews_icons_loading
Il primo ministro francese Jean Castex
Il primo ministro francese Jean Castex   -   Diritti d'autore  Stephane de Sakutin/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La variante inglese del Covid "riguarda circa metà delle persone colpite dal Covid in Francia". Lo ha annunciato il premier francese, Jean Castex, ribadendo comunque che il governo vuole evitare un nuovo lockdown nazionale.

Il primo ministro ha annunciato anche che da questo giovedì venti dipartimenti francesi sono sotto sorveglianza rafforzata: se la situazione continuasse a peggiorare a partire dal 6 marzo il governo potrebbe imporre il lockdown nei fine settimana. Malgrado il peggioramento della situazione sanitaria, "bisogna fare di tutto per ritardare" eventuali lockdown, ha avvertito Castex precisando, tra l'altro, che la vaccinazione per gli over-65 verrà aperta a partire da inizio aprile.

Anche Parigi rientra tra le zone a sorveglianza rafforzata. La sindaca Anne Hidalgo intende proporre all'esecutivo un lockdown di tre settimane per la capitale. Intervistato da France Info, il suo braccio destro, Emmanuel Grégoire, ha detto che questo consentirebbe di "ridare ossigeno", con "la prospettiva di riaprire tutto" al termine delle tre settimane di chiusura, incluso bar, ristoranti e luoghi culturali, pur mantenendo misure di protezione sanitaria.

Nel Regno Unito il livello di allerta è stato abbassato da 5 a 4: le strutture sanitarie del paese, a lungo sotto pressione, possono respirare. Il ministero della Salute ha fatto sapere che il numero di pazienti è "in calo costante" e il rischio di collasso degli ospedali per il momento è stato scongiurato.

Contagi in calo anche a Cipro, dove il governo si appresta ad allentare ulteriormente le restrizioni imposte durante la seconda ondata. Lunedì riapriranno scuole superiori, palestre, piscine e gallerie d'arte. In tutto il mondo sono più di 2,5 milioni le vittime causate dalla pandemia.