EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Condanna tedesca contro un funzionario siriano sulla base del principio di giustizia universale

Condanna tedesca contro un funzionario siriano sulla base del principio di giustizia universale
Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Non c'è un giudice all'Aja, ma ce n'è uno a Coblenza. Condanna tedesca contro un funzionario siriano sulla base del principio di giustizia universale. Il verdetto contro un ex funzionario dei servizi segreti di Damasco, accusato di associazione in crimini contro l'umanità

PUBBLICITÀ

La giustizia tedesca aiuta quella internazionale. La corte d'assise di Coblenza ha condannato un ex membro della polizia segreta siriana del presidente Bashar al-Assad a scontare 4 anni e mezzo di carcere.

Si tratta di fatto di un'esternalizzazione del tribunale penale internazionale. Nella Repubblica Federale. Eyad Al-Gharib è accusato di asociazione a delinquere e in crimini contro l'umanità, in base al principio della giustizia universale.

Questo significa che i fatti di cui si è reso responsabile sono perseguibili ovunque essi costituiscano reato.

Al-Gharib sconterà la pena detentiva per associazione in crimini contro l'umanità.

È stato arrestato in territorio tedesco dove si era rifugiato assieme a un suo collega, il cui giudizio è ancora in corso.

Quella di Coblenza è una soluzione giudiziaria internazionale che vuole creare un precedente, come spiega il Pubblico ministero Jasper Klinge:

"Questo è un segnale ai responsabili di gravi violazioni di diritti umani universalmente riconosciuti. I colpevoli devono sapere che possono esser condannati sempre e ovunque"

Secondo le accuse il funzionario è responsabili di complicità nelle torture commesse dai servizi di sicurezza di Damasco all'inizio della rivolta siriana nel 2011.

L'applicazione del principio della giustizia universale è stato possibile perché i due accusati sono stati arrestati in territorio tedesco.

Il tribunale penale internazionale permetterebbe il loro arresto anche in altri Paesi. E il giudizio con verdetto da parte di una corte supranazionale.

Ma la Siria non è un membro della Tpi. Infatti non ha né firmato, né ratificato il trattato costitutivo.

Impossibile anche attivare il Tribunale dell'Aja con una decisione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, poichè sia Russia che Cina appoggiano le ragioni di Damasco.

Il giudizio di Coblenza farà discutere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania: condannato per crimini contro l'umanità un ex agente dei servizi segreti siriani

La scelta più sicura. Vivere tra le rovine di un sito UNESCO in Siria

Dalla Siria alla Libia: Turchia interventista ma sempre più isolata, un problema anche per Bruxelles