ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Due anni e mezzo a Navalny e una multa per diffamazione

Di euronews
euronews_icons_loading
Due anni e mezzo a Navalny e una multa per diffamazione
Diritti d'autore  Alexander Zemlianichenko/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Il tribunale di Mosca respinge l'appello del leader dell'opposizione russa Alexei Navalny ma lui è imperterrito e dichiara in aula che la Russia deve essere "libera" e "felice". Nonostante i cinque mesi trascorsi all'estero per le cure dovute all'avvelenamento in patria con un agente nervino, le autorità accusano il dissidente di aver violato le norme della condizionale relative a un procedimento di 6 anni fa.

L'altro capo d'accusa

Il processo per diffamazione riguarda invece un 94enne che compare in un video promosso dal Cremlino sulla riforma costituzionale che, tra le altre cose, ha cancellato per Putin il limite di due mandati presidenziali consecutivi. In un tweet Navalny aveva definito "traditori" coloro che apparivano nel filmato ed è stato querelato per diffamazione. In Russia c'è un sacro rispetto per gli eroi della grande guerra patriottica ( la seconda guerra mondiale) ma anche questa sentenza non può che essere controversa.

In campo la giustizia europea

Intanto la Corte europea dei diritti dell'uomo martedì ha ordinato al governo russo di rilasciare Navalny, citando ``"la natura e l'entità del rischio per la vita del ricorrente ''. Il tribunale di Strasburgo ha osservato che Navalny ha contestato l'argomento delle autorità russe secondo cui avevano preso misure sufficienti per salvaguardare la sua vita e il benessere in custodia dopo l'attacco dell'agente nervino. Le autorità russe hanno respinto l'accusa considerata una ingerenza.