ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ispettori dell'Oms in Cina, una visita fra mille dubbi

euronews_icons_loading
Ispettori dell'Oms in Cina, una visita fra mille dubbi
Diritti d'autore  Ng Han Guan/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono finalmente stati dispiegati glli esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), in missione nella città cinese di Wuhan per cercare di chiarire le origini del coronavirus. Hanno visitato questo sabato il primo ospedale della città che ha accolto pazienti covid.

L'agenda specifica degli esperti resta segreta e solo i loro messaggi su Twitter e quelli dell'OMS riportano le loro tappe. La Cina rimane praticamente in silenzio su questa visita, molto sensibile a livello politico, dal momento che il colosso asiatico viene spesso rimproverato per aver tardato a reagire dopo lo scoppio dei primi casi di coronavirus.

I membri del team, che hanno rispettato 14 giorni di quarantena fino a giovedì, sabato mattina, scortati e lontani dalle telecamere della stampa, sono andati all'ospedale Jinyintan di Wuhan.

Questo stabilimento è il primo ad aver accolto alla fine del 2019 pazienti affetti da quello che allora era considerato un misterioso virus che aveva cominciato ad essere rilevato in questa città cinese, considerata il chilometro zero della pandemia che devasta il mondo.

Tuttavia, persistono dubbi sull'interesse degli elementi che i ricercatori possono raccogliere più di un anno dopo l'inizio della pandemia e perché le autorità cinesi sono note per la loro opacità su questioni controverse.

Inondato di critiche per la sua gestione delle prime settimane di pandemia, il governo comunista cinese ha recentemente inaugurato a Wuhan un'immensa mostra per lodarne l'immagine e celebrare la sua vittoria di fronte alla pandemia.

Secondo i dati ufficiali, solo due persone sono morte a causa del nuovo coronavirus da metà maggio. In totale, il Paese asiatico ha registrato ufficialmente 4.636 morti dall'inizio della pandemia.

Questa cifra è in netto contrasto con gli oltre 2,1 milioni di morti nel mondo. Nelle ultime settimane la Cina ha assistito a piccoli focolai di infezione in alcune parti del nord e alla periferia di Pechino.