Letargo o reinvenzione. Musei e luoghi d'arte al bivio del Covid

Letargo o reinvenzione. Musei e luoghi d'arte al bivio del Covid
Diritti d'autore AFP / "Limited Edition" Petit Palais
Diritti d'autore AFP / "Limited Edition" Petit Palais
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Letargo o sperimentazione. Costretti a reinventarsi dalla pandemia, musei e luoghi d'arte si adattano. C'è chi "mette a dormire" le opere nella carta da pacchi e chi invece punta su podcast e visite virtuali. Il Centre Pompidou: "Scommessa vincente: abbiamo conquistato nuovo pubblico"

PUBBLICITÀ

"In letargo da pandemia" o in piena riconversione. Costretti a reinventarsi dal Covid, musei e luoghi d'arte si adattano e guadagnano un nuovo pubblico. Una sfida del tutto inedita e che talvolta, come qui al Petit Palais di Parigi, riserva sorprese agli stessi addetti ai lavori. 

"In letargo" il Petit Palais di Parigi. Le opere "dormono" protette dalla carta da pacchi

Clara Roca è la curatrice di "Edition Limitée", una mostra che era in programma dal 26 gennaio. "La cosa più strana e paradossale è il fatto di coprire le opere proprio al momento del loro allestimento - dice -. Le rivestiamo di carta da pacchi per proteggerle dalla luce fino all'apertura della mostra. La situazione è del tutto nuova anche per noi. Finiremo per scoprire la mostra soltanto alla fine, quando potremo 'spacchettare' le opere". 

Vincente la scommessa sul web del Centre Pompidou: "Guadagnamo un nuovo pubblico"

Diversa la strategia del Centre Pompidou, che - sempre a Parigi - in occasion della mostra "Matisse: come un romanzo", alla chiusura fisica dei suoi spazi, reagisce ripiegando su un podcast e tornando a giocare la carta di una visita virtuale. "La visita virtuale alla nostra mostra di Matisse è ormai un fenomeno in rete - dice Serge Lasvignes, direttore del Centre Pompidou - . Le persone che ne hanno approfittato sono state migliaia e fra loro, alcuni credo che non sarebbero venuti fisicamente a ve dere la mostra. Questo ci fa pensare che Internet non giochi soltanto un ruolo di compensazione, rispetto alla chiusura a cui siamo costretti, ma che ci permetta anche di raggiungere un pubblico nuovo e diverso. E' una dinamica, che sta in qualche modo democratizzando la fruizione dell'arte". 

A incentivare il Centre Pompidou nella ricerca di soluzioni alternative a quelle tradizionali, anche il fatto che - Covid a parte - dal duemilaventitre al duemilaventisei sarà costretto a una lunga chiusura per lavori.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'offerta culturale nel labirinto del virus

La riapertura dei musei italiani dopo tre mesi di chiusura per Covid

Art Paris 2024: riflettori puntati sulle gallerie d'arte francesi