ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bielorussia: arresti mirati e consegna del silenzio, il regime imbavaglia la stampa

Manifestazione a Minsk - 3 agosto 2020
Manifestazione a Minsk - 3 agosto 2020   -   Diritti d'autore  Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Quando il 12 gennaio gli amici e i colleghi non hanno più sentito il giornalista Andrei Alexandrov, non hanno immediatamente lanciato l'allarme, hanno atteso. Poi è passato il tempo ed hanno iniziato a preoccuparsi. "Andrei era scomparso dai messaggi, il che era molto insolito", ha detto a Euronews la giornalista bielorussa Maryia Sadouskaya-Komlach. "Eravamo nel bel mezzo di una conversazione, scambiavamo alcune informazioni e poi è improvvisamente scomparso".

La giornalista, anche coordinatrice del programma Eurasia presso Free Press Unlimited, ha detto di essersi accorta che qualcosa non andava quando ha parlato con gli amici "e abbiamo notato che era scomparso dal radar di tutti noi contemporaneamente e che nessun altro poteva contattare la sua ragazza".

Il destino di Andrei è diventato chiaro solo quando il direttore di BelaPAN, un'agenzia di stampa indipendente dove lavora come freelance, è andato alla polizia per denunciarne la scomparsa dopo che la sua famiglia e i suoi colleghi non avevano avuto sue notizie per quasi 24 ore, ha detto l'agenzia.

Così si è scoperto che Alexandrov era nel dipartimento di polizia del distretto di Oktyabrskiy a Minsk. Arrestato con l'accusa di "aver organizzato e preparato attività che turbano l'ordine pubblico", ha detto il suo avvocato a BelaPAN.

Alexandrov è l'ultimo di una lunga serie

Alexandrov è solo uno dei tanti professionisti dei media bielorussi accusati penalmente da un regime che resiste ma soffre dopo mesi e mesi di manifestazioni di piazza contro il presidente Alexander Lukashenko.

Da quando il 9 agosto scorso il capo di Stato si è intitolato la vittoria di elezioni ritenute dubbie dalla comunità internazionale, l'opposizione non ha arretrato di un millimetro e anche sotto la pioggia e la neve ha continuato a invadere le strade di Minsk per chiederne le dimissioni, ogni weekend.

La repressione di Stato ha preso tante forme e anche il divieto di assemblarsi in tempi di pandemia è stato usato da Lukashenko per intimorire i manifestanti. Il mondo ha presto visto i segni delle percosse sulla pelle degli arrestati, i metodi forti usati nelle caserme sono stati subito evidenti e gli attivisti per i diritti umani hanno moltiplicato gli appelli denunciando violazione dei diritti umani.

In Bielorussia 9 giornalisti in prigione, "arresti mirati"

I giornalisti, come in ogni regime che si rispetti, non sono stati sottovalutati dalla repressione, secondo i dati raccolti da Reporter senza frontiere (RSF) in coordinamento con l'Associazione bielorussa dei giornalisti (BAJ).

"Il lavoro giornalistico è chiaramente criminalizzato", ha detto a Euronews Jeanne Cavelier, capo dell'Europa orientale di RSF, aggiungendo che le autorità bielorusse usano le accuse come "tattica per chiudere la stampa". "Questo è davvero molto preoccupante", ha detto. "Penso che le accuse molto gravi contro i giornalisti siano un'altra tendenza adesso". "La proporzione di giornalisti incarcerati dopo gli arresti è quintuplicata tra agosto e novembre", ha detto Cavelier spiegando che se anche vengono arrestate meno persone, poi le incarcerazioni sono mirate e con accuse pesanti. Così dietro le sbarre si può restare anche per 15 giorni, mentre avanza l'indagine.

In Bielorussia il lavoro giornalistico è chiaramente criminalizzato Jeanne Cavelier, capo dell'Europa orientale di RSF,
Jeanne Cavelier
capo dell'Europa orientale di Reporters sans frontières

RSF ha chiesto il "rilascio immediato e incondizionato" di Alexandrov e degli altri giornalisti bielorussi in "detenzione arbitraria" ed ha annunciato che l'organizzazione presenterà una dossier al meccanismo di protezione delle Nazioni Unite riguardo ai loro casi. La European Federation of Journalists (EFJ) ribadisce che almeno 9 giornalisti sono ancora in prigione Alexandrov e altri 8 colleghi. La federazione ne richiede il rilascio immediato appellandosi anche all'Unione europea e all'Osce.

Obiettivo: decapitare certa stampa indipendente

Ma chi sono gli arrestati? Certamente giornalisti che danno molto fastidio. ll mese scorso, ad esempio, sono state arrestate cinque persone del Press Club Belarus, un'organizzazione che fornisce risorse e formazione per i media indipendenti.

La fondatrice Yulia Slutskaya, il direttore del programma Alla Sharko, il cameraman Pyotr Slutsky e il direttore finanziario Sergei Olshevsky, sono stati tutti accusati di evasione fiscale su larga scala e rimarranno in custodia in una prigione di Minsk fino al 23 febbraio, ha detto l'organizzazione.

Il direttore del programma Sergei Yakupov non è stato incriminato, ma è stato deportato in Russia il 31 dicembre e gli è stato vietato l'ingresso in Bielorussia per 10 anni, ha aggiunto. "Per circa un giorno, né gli avvocati né i parenti sono riusciti a scoprire dove fossero i detenuti", ha comunicato il Press Club Belarus.

Silenziati pure gli avvocati degli arrestati

Nel caso di Alexandrov invece il suo avvocato non ha potuto condividere ulteriori dettagli sulla sua situazione con il datore di lavoro o la famiglia poiché sottoposto alla consegna del silenzio: aveva firmato un accordo di non divulgazione, ha riferito BelaPAN.

"Questo avviene molto frequentemente di recente; le persone che sono perseguitate dal governo bielorusso e vengono arrestate o detenute sono costrette, insieme ai loro avvocati, a firmare un accordo di non divulgazione, quindi è solo il governo che può dirti effettivamente ciò di cui la persona è accusata", ha detto Sadouskaya-Komlach. Adesso "sta diventando sempre più pericoloso per i giornalisti in Bielorussia fare il loro lavoro", ha aggiunto, citando il pericolo di incorrere in procedimenti giudiziari e "diversi anni di prigione". Ha invitato i governi dell'UE, degli Stati Uniti e del Regno Unito a dare un segno "per fermare la violazione delle libertà di stampa essenziali e chiedere il rilascio delle persone".

Il Paese più pericoloso d'Europa per i giornalisti

Secondo l'ultimo report di RSF la Bielorussia è stato il Paese più pericoloso d'Europa per i giornalisti nel 2020. Ben 450 violazioni della libertà di stampa sono state registrate nei quattro mesi successivi alla contestata rielezione di Lukashenko.

Il giornalisti arrestati nel Paese sono stati 370 dal 9 agosto alla fine dell'anno. I dati raccolti da RSF e dall'Associazione bielorussa dei giornalisti hanno mostrato che la polizia ha usato deliberatamente la violenza contro i giornalisti che coprivano le manifestazioni "con il chiaro scopo di imbavagliare i media e censurare le proteste", afferma il rapporto.

Poco dopo l'inizio delle proteste, verso la fine di agosto 2020, Minsk ha ritirato gli accrediti ai giornalisti stranieri. Bbc, Deutsche Welle, Reuters, France-Presse e Associated Press, Radio Liberty... Alcuni dei corrispondenti e collaboratori d'altronde emettevano in lingua russa, un problema per la propaganda di regime destinata all'interno dei confini nazionali.

Tuttavia anche prima delle sommosse popolari la stampa in Bielorussia non godeva certo della libertà degna di uno Stato moderno. In effetti molto poco è cambiato con il crollo del comunismo: se prima i media erano di Stato dopo sono diventati media controllati dallo Stato (che assegna le frequenze, autorizza le emissioni e la distribuzione dei giornali nelle edicole, col risultato che tutte le testate indipendenti ne restano fuori). Di fatto il Paese è passato da un regime di monopolio diretto a uno di monopolio indiretto.