ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Francia accelera: vaccinazione per gli operatori sanitari over 50

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
La Francia accelera: vaccinazione per gli operatori sanitari over 50
Diritti d'autore  Michel Spingler/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La Francia accelera sulla campagna di vaccinazione e, per colmare il divario con i vicini europei, gli operatori sanitari di età superiore ai 50 anni, che soffrono di comorbilità (coesistenza di più patologie diverse in uno stesso individuo) hanno iniziato a essere vaccinati.
Sono stati inoltre istituiti centri di vaccinazione per operatori privati.

Mesi di attesa che si risolvono in pochi secondi. Tanto basta per iniettare il vaccino anti Covid -19. A Lione, l'allergologa Véronique Boissonet è una degli operatori sanitari over 50, che hanno potuto essere vaccinati in uno dei 4 centri istituiti una settimana fa.

"Lo faccio per me - dice Boissonet - per i miei pazienti, per la mia famiglia e gli amici, ma naturalmente dopo dovrò continuare a indossare la maschera perché potrei essere ancora portatrice".

L'auspicio è che i colleghi più giovani si uniscano presto a lei e ai 300 professionisti già stati vaccinati nella terza città più grande della Francia.

"Abbiamo ancora medici, infermieri, che sono molto esposti al Covid-19 in terapia intensiva - commenta l'allergologa - hanno meno di 50 anni ma devono rimanere in salute".

I professionisti della sanità over 50 avrebbero dovuto ricevere il vaccino alla fine di gennaio, dopo i residenti e il personale delle case di riposo. Ma a fronte delle critiche sulla lentezza della campagna di vaccinazione, il governo francese ha deciso di accelerare. Il Paese è però ancora in ritardo rispetto ai vicini europei e non.

Euronews
graphicEuronews

La vaccinazione è preceduta da una visita medica e, in molti casi, i sanitari si prendono del tempo per fugare ogni dubbio.

Claudine Pasquet-Wolckmann, medico all'ospedale Croix-Rousse di Lione, spiega che "gli operatori sanitari chiamano per fare domande: sono allergico a questi prodotti, è sicuro per me? Ho avuto il Covid-19 in quel periodo, quando devo prendere il vaccino? E - conclude - ci prendiamo del tempo per rispondere".

Attualmente, in Francia , la vaccinazione è stata aperta anche ai privati. In particolare, agli infermieri che lavorano a domicilio, ai farmacisti e ad altri operatori privati maggiormente esposti al virus.

Claire Neel è una farmacista di 66 anni, in prima linea dall'inizio della pandemia. Facendosi vaccinare, spera di convincere i più riluttanti, che incontra quotidianamente: "Alcuni dicono che ci stanno manipolando; altri vanno oltre, sostenendo che tutto è falso. Io dico loro: andate a farvi vaccinare! Andate, quando potete!

Ma una certa riluttanza è espressa anche da una minoranza di operatori sanitari, scettici nei confronti di un vaccino sviluppato a tempo di record.

Christian Chidiac, responsabile del reparto malattie infettive dell'ospedale di Croix-Rousse a Lione, smorza gli allarmismi: "Il dibattito sulla velocità di sviluppo del vaccino può chiudersi, ora. Tutti gli studi sono stati fatti correttamente: 44.000 pazienti per lo studio Pfizer/BioNTech, 33.000 per Moderna. Ciò che è stato accelerato è stato solo il processo amministrativo e burocratico. Quindi, penso che per il momento la situazione sia rassicurante. Ovviamente non sappiamo cosa succederà tra 5 anni alle persone vaccinate, ma è lo stesso per qualsiasi nuova medicina!".

Secondo l'agenzia nazionale del farmaco, in Francia, finora, non sono stati registrati effetti negativi .

La prossima fase della vaccinazione inizia il 18 gennaio: saranno vaccinati gli over 75 al di fuori dalle case di riposo, come è già stato fatto nel Regno Unito e in Italia.