ULTIM'ORA
This content is not available in your region

New York: in una casa di cura riapre la "Dog Therapy" per pazienti in cerca di contatto fisico

euronews_icons_loading
Il coccolone Marley è pronto per la visita agli amici umani.
Il coccolone Marley è pronto per la visita agli amici umani.   -   Diritti d'autore  Seth Wenig/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

La "Dog Therapy" funziona!

Nella casa di cura "Hebrew Home" di Riverdale, un quartiere residenziale del Bronx, a New York, esiste un programma di pet therapy da 20 anni.

Terapia dei cani e cani da terapia

Il piccolo Zeus e il gigante alano Marley sono gli attuali coccoloni per la "Dog Therapy", terapia dei cani, ma anche cani da terapia...

Svolgono una funziona fondamentale di questi tempi: garantiscono ai pazienti della casa di cura quell'affettuoso contatto fisico che è diventato così scarso e prezioso nell'era dei Coronavirus.

"Parlo al telefono ogni giorno con mia figlia e mio figlio, ma per ora è il meglio che si possa fare", dice l'ottantenne Jeff Philipson.
Il suo volto, però, si illumina mentre accarezza la pelliccia bianca di Zeus, arrampicato letteralmente sul suo letto.

Seth Wenig/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
L'entusiasmo di Jeff Philipson appena vede Zeus.Seth Wenig/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

"Grazie ai cani, l'umore dei pazienti migliora"

Spiega la responsabile terapeutica della struttura, Catherine Farrell:
"Non ci sono problemi a toccare i cani. E così i pazienti possono toccare il cane e possono provare di nuovo quella sensazione tattile che desiderano e che tanto manca loro a causa delle attuale restrizioni imposte alle visite dei familiari".

Nel pieno della pandemia, a marzo, la terapia canina era stata sospesa, come la maggior parte delle attività della casa di cura, ma ora la direzione ha deciso di riavviare il programma di pet therapy.

"È davvero una gioia", continua Catherine Farrell, "vedere i pazienti illuminarsi quando bussiamo alla porta e poi diciamo: "C'è un visitatore! E poi vedono chi è... È il cane... E tutto il loro comportamento cambia e il loro umore migliora".

AP Photo
Catherine Farrell è la responsabile terapeutica della "Hebrew Home":AP Photo

"Meno male che ci sono i miei amici cani"

Per la paziente Elizabeth Pagan, le visite dei cani sono un gradito sollievo dall'isolamento che ha subito da diversi mesi, dopo il ricovero. I figli, i familiari, i nipoti e Ruby, il suo terrier, li vede ormai solo in videochiamata.

"Mi mancano così tanto!", esclama. "Non posso vedere mia madre, i miei nipoti, i miei figli. È molto difficile", ha detto Elizabeth, che si sta riprendendo da un ictus.
"Meno male che ci sono i miei amici cani", ha aggiunto, sorridendo.

AP Photo
Elizabeth Pagan abbraccia Marley.AP Photo

Arrivano i nostri!

A rinforzare la squadra della "Dog Therapy" stanno per aggiungersi anche due nuovi cani, Redwood e Kida, che dopo l'addestramento si uniranno a Zeus e Marley per visite regolari ai loro amici umani.

Seth Wenig/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Addestramento in corso per Kida, labrador color cioccolata.Seth Wenig/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.