ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Come il Giappone cerca di rilanciare cultura e spettacolo in epoca di covid

euronews_icons_loading
Come il Giappone cerca di rilanciare cultura e spettacolo in epoca di covid
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Uno dei settori più colpiti dalla pandemia COVID-19 in Giappone, come nel resto del mondo sono arte e cultura. Ma lo spettacolo deve continuare! In Spotlight incontreremo alcuni degli artisti giapponesi che si sono rivolti all'innovazione per continuare a deliziare il pubblico con il loro lavoro.

Nel vivace quartiere di Ginza, a Tokyo, si trova il famoso teatro Kabukiza. Recentemente ha riaperto i battenti con misure speciali per mantenere la sicurezza sanitaria. È qui che le persone vengono a godersi il "Kabuki", una delle più note arti dello spettacolo del Giappone.

Il Kabuki è una forma di teatro popolare tutta maschile che mescola musica, danza, teatro e costumi sorprendenti. La sua storia risale a oltre 400 anni fa. È entrato a far parte della Lista del patrimonio culturale immateriale dell'umanità dell'UNESCO nel 2008.

Incontriamo uno degli attori kabuki più famosi del Giappone: Matsumoto Koshiro. La chiusura del teatro al culmine della pandemia lo ha spinto a trasformare in realtà il suo desiderio di lunga data: creare un nuovo tipo di performance kabuki - online. Lo chiama "Zoom-Kabuki" o "Dream Kabuki".

In una prima mondiale, nel giugno 2020, l'attore e regista ha potuto trasmettere in streaming gli 11 atti di una delle più importanti commedie Kabuki in puntate online, "Chu-shin-gura".

In alcune occasioni, Matsumoto Koshiro è stato in grado di mixare performance pre-registrate e dal vivo in modo da poter interpretare ruoli diversi contemporaneamente sullo schermo.

Il risultato è una vivace esperienza sensoriale, proprio come nel teatro reale.

L'attore Kabuki ha poi prodotto un'altra commedia, chiamata Yaji Kita basata su una popolare serie di letteratura di viaggio del XIX secolo. Tutto questo è stato preregistrato e mostrato nel dicembre 2020.

Dice Matsumoto: "Dal punto di vista di chi suona o presenta il Kabuki, pensiamo che la trasmissione via Internet sia una soluzione contemporanea.

Gli attori kabuki erano sul palco circa 10 mesi all'anno. Ora, con i teatri chiusi la situazione del settore è drammatica e molti rischiano di dover cambiar mestiere. Potevano mantenere le capacità artistiche continuando a salire sul palco, comprese le loro condizioni fisiche. Le opere sono lunghe e richiedono un sforzo notevole.

Anche se il palco riaprirà normalmente in futuro, la nostra volontà è di continuare lo Zoom Kabuki per sempre".

A circa 500 km dalla vivace Tokyo, la prefettura di Nara ospita dozzine di siti Patrimonio dell'Umanità. La sua città principale era capitale del Giappone durante l'VIII secolo.

Luogo di straordinaria bellezza, la regione è stata lo sfondo perfetto per un nuovo tipo di festival d'arte creato in risposta alla pandemia COVID-19 - si chiama "Mind Trail".

Nell'autunno 2020, i visitatori hanno potuto scoprire una galleria pop-up a cielo aperto suddivisa in tre diversi siti della prefettura di Nara. Qui nella piccola città di Yoshino, fra i Monti Kii, una selezione di opere d'arte contemporanee può essere goduta in sicurezza e al proprio ritmo.

Dice uno studente: "Sono venuto al Mind Trail perché ultimamente non ho avuto alcun contatto con la natura e inoltre non potevo assolutamente praticare sport."

Saito Seiichi, produttore di Mind Trail, dice: "Il nostro è un sentiero dove le persone possono camminare - 8 km o 5 - si troveranno le opere d'arte e la natura. La hente inizia a rendersi conto che la natura stessa è in realtà un'opera d'arte ..."

Per gli espositori, Mindtrail è una piattaforma unica per riconnettersi con il pubblico ed esprimere i propri sentimenti verso la pandemia.

È possibile camminare ed ammirare le opere immersi nella bellezza della foresta e nella calma del santuario".

Dicono che l'arte abbia il potere di guarire e questo in un momento in cui è necessario, il Giappone sta sostenendo la propria industria culturale utilizzando un approccio fuori dagli schemi.