ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nigeria, Boko Haram: rilasciati 344 degli studenti rapiti

euronews_icons_loading
Nigeria, Boko Haram: rilasciati 344 degli studenti rapiti
Diritti d'autore  Sunday Alamba/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Alcuni avevano l'uniforme strappata, altri avvolti in coperte, sono apparsi provati gli studenti nigeriani liberati nelle scorse ore e che stamani a sono stati ricevuti dal governatore dello Stato di Katsina. Ostaggio per quasi una settimana della milizia fondamentalista Boko Haram, erano stati rapiti dal liceo di Kakara, per soli ragazzi, l'11 dicembre scorso.

Il governatore dello Stato di Katsina, Aminu Bello Masari, ha reso pubbliche alcune fasi dell'operazione: "Ho chiesto che non venisse sparato un solo colpo ma che si prendesse il controllo della zona . C'è stato un'intenso negoziato con gli intermediatori che hanno ci messo in contatto con i rapitori. E il tutto ha portato alla liberazione di 344 studenti".

Questo giovedì Boko Haram aveva trasmesso un video, nel quale un ragazzino spiegava di essere uno dei 520 studenti rapiti e che alcuni di loro erano stati uccisi. Le autorità governative verificano in queste ore se tutti gli ostaggi siano stati liberati. Circostanza che sembra ormai essere quasi certa.

Al momento dell'attacco, nel liceo c'erano circa 800 ragazzi, in centinaia sono riusciti a scappare, oltre 300 sono stati fatti ostaggio, ma il numero esatto non è chiaro. Il governo continua i negoziati con la banda di criminali che negli ultimi mesi ha sferrato vari attacchi nell'area nord occidentale del Paese. Si tratterebbe di un gruppo di criminali affiliati a Boko Haram. Prima del filmato rivendicativo era stato escluso che si trattasse del noto gruppo jihadista, che opera per lo più nella parte nord orientale del Paese.

Dall'inizio dell'anno, bande criminali che operano nel Paese, hanno ucciso oltre 1100 persone, stando a Amnesty international.

Gli altri attacchi contro le scuole

Il rapimento di venerdì, ricorda altri sinistri attacchi di Boko Haram. che hanno avuto come obiettivo altre scuole.

Il primo attacco di questo tipo fu nel 2014, nello Stato di Yobe, contro la Federal Government College Buni, 59 ragazzi rimasero uccisi.

Qualche mese dopo, fu messo a segno il rapimento di quasi 300 studentesse nella scuola statale di Chibok nello Stato nord orientale del Borno. Nonostante un'ampia campagna internazionale, sono ancora un centinaio le studentesse che mancano all'appello.

Nel 2018, vennero liberate le giovani, più di cento, rapite a Dapchi, e Boko Haram avvertiva: "non mandate a scuole le vostre figlie. Mai più".

Un monito che si rifà al nome stesso della setta che significa letteralmente "Leggere è proibito" e per estensione 'L'educazione occidentale è proibita".