ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Italia in zona rossa dal 24 dicembre". Il premier Conte annuncia nuove misure

euronews_icons_loading
Giuseppe Conte
Giuseppe Conte   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutta l'Italia in zona rossa dal 24 dicembre al 6 gennaio nei giorni festivi e prefestivi. È una delle misure illustrate dal premier italiano Conte dopo una lunga serie di riunioni operative. Per le feste sarà possibile accogliere in casa fino a due persone non conviventi, ed eventualmente i loro figli fino a 14 anni, mentre restano vietati cenoni e veglioni.

Dal 28 al 30 dicembre tutta l'Italia sarà in zona arancione, il che permetterà gli spostamenti senza giustificativo nell'ambito del comune di residenza. Per i piccoli comuni, sotto i 5000 abitanti, è permessa una mobilità nel raggio di 30 chilometri.

In Austria, invece, un terzo blocco assoluto è previsto dopo Natale. Scuole, negozi, bar e ristoranti, oltre alle stazioni sciistiche, resteranno chiusi e ci sarà un coprifuoco di 24 ore fino al 18 gennaio. Inoltre sarà reso obbligatorio un test diagnostico anche per coloro che abbiano ricevuto un primo esito negativo, mentre coloro che non si sono sottoposti al test saranno tenuti in quarantena per un'altra settimana.

La Slovacchia chiuderà i negozi non essenziali e limiterà gli spostamenti per fare shopping, andare al lavoro o fare esercizio fisico all'aperto a partire da sabato mattina e per tre settimane. La maggior parte delle attività sportive sarà chiusa, ma saranno consentiti sport individuali, compreso lo sci.

Aria da nuove limitazioni anche in Slovacchia dove il primo ministro Igor Matovic è risultato positivo al coronavirus.

In Svezia, dopo la reprimenda de re che ha bocciato l'approccio tenuto finora dal governo, sono stati proibiti cenoni e appuntamenti natalizi, ed è stato fissato un massimo di persone che potrà stare al ristorante, nei negozi o in palestra. Tuttavia è stato escluso di ricorrere a un lockdown duro. Tra le nuove regole anche l'obbligo delle mascherine sui mezzi pubblici e un coprifuoco alle 20.00 per la vendita di alcolici nei bar e ristoranti.