EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Lo sciopero della fame dei contadini indiani

Sciopero della fame dei contadini indiani
Sciopero della fame dei contadini indiani Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Paolo Alberto Valenti
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I dimostranti chiedono al governo di ritirare la riforma agricola e reintrodurre un prezzo minimo garantito per i loro prodotti. La liberalizzazione totale dei prezzi non potrà che premiare solo i grandi gruppi

PUBBLICITÀ

Si inasprisce in India la protesta degli agricoltori, la seconda a livello nazionale in pochi giorni. Adesso è stato indetto uno sciopero della fame. Tutti contro la legislazione che liberalizza il mercato agricolo: i contadini indiani possono vendere ora a chiunque a qualsiasi prezzo, invece di seguire le tariffe calmierate. 

Il dramma die piccoli agricoltori

I più colpiti sono i coltivatori di piccoli appezzamenti. Stando alla India Brand Equity Foundation, il 58% della popolazione indiana dipende dal lavoro agricolo: l’85% sono piccoli agricoltori, che possiedono a volte anche pochissimi acri di terra. Il premier Narendra Modi difende invece l’iniziativa, affermando che porterà grandi vantaggi a decine di milioni di coltivatori, perché promuove una maggiore circolazione dei prodotti agricoli in tutto il paese. I sostenitori del governo osservano che la normativa non smantella il sistema d’acquisto di riso e granaglie da parte delle agenzie pubbliche e non elimina il prezzo minimo garantito dei prodotti agricoli.

L'escalation della proteste

Con l'escalation delle proteste contro la nuova normativa i dirigenti dei vari settori  agricoltori hanno organizzando uno sciopero della fame di nove ore ed hanno programmato manifestazioni in tutto il paese. I leader dei contadini hanno respinto la proposta del governo per modificare la riforma. In alternativa, i dimostranti chiedono che sia almeno garantito un prezzo minimo per i loro prodotti e  temono che il mercato sarà monopolizzato dai grandi gruppi, che imporranno prezzi più concorrenziali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migliaia di agricoltori indiani in collera danno i brividi al governo conservatore di Modi

India: agricoltori inferociti alle porte di Dheli, scontri e blocchi stradali

Covid-19: feste religiose in India ridimensionate