ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Germania torna al lockdown fino al 10 gennaio

euronews_icons_loading
Angela Merkel
Angela Merkel   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La diffusione dei contagi da Covid-19 in Germania preoccupa per rapidità e incidenza, e il governo federale - insieme ai Laender - ha deciso di introdurre in tutto il paese un lockdown più duro a partire dal 16 dicembre e fino al 10 gennaio.

Le nuove e più rigide misure sono state annunciate dalla cancelliera Angela Merkel in una conferenza stampa domenica mattina.

"Siamo costretti ad agire e stiamo agendo ora. Abbiamo deciso insieme che queste norme si applicheranno fino al 10 gennaio, e questo per il momento. L'obiettivo rimane quello di ridurre l'incidenza, il che significa che non possiamo sapere cosa accadrà all'inizio di gennaio, ma dipenderà dai risultati che otterremo".

Il giro di vite avrà conseguenze pesanti sui commerci natalizi, il che solleva le critiche di molti operatori economici che puntavano sugli acquisti sotto le feste per recuperare anche solo in parte un periodo negativo.

"Ci tagliano fuori in questo momento, quando registriamo il volume d'affari più importante di tutto l'anno, e che aspettavamo da tempo, e questo mi fa arrabbiare, Avrebbero potuto chiudere i negozi ad ottobre e farli aprire ora durante le due settimane di festa. Queste decisioni prese a livello politico sono fuori tempo"".

Più concilianti le reazioni dei potenziali clienti, alla ricerca dei regalini da mettere sotto l'albero.

"Per me cambia poco, avevo già pensato di comprare i regali di Natale nei mesi scorsi, e ne ho ordinati un bel po'".

Per tutto il periodo indicato saranno vietati gli assembramenti, anche all'aperto, e la vendita di fuochi d'artificio per Capodanno.

Resta inifine la preoccupazione per il rischio sanitario. Per il presidente della Baviera Markus Söder "il coronavirus in Germania è fuori controllo", e la pandemia che ne deriva "è una catastrofe che sta provocando la peggiore crisi sociale economica e sanitaria da 50 anni a questa parte.