ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il saccheggio notturno di Tirana

euronews_icons_loading
Il saccheggio notturno di Tirana
Diritti d'autore  Hektor Pustina/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora proteste di piazza con azioni di giovani di guastatori nelle strade di Tirana per la morte di un ragazzo ucciso dalla polizia al momento del coprifuoco anti-covid

Le squadre anti-sommossa albanesi hanno disperso una ridotta folla di manifestanti che sabato, marciando verso il ministero degli interni e poi il dipartimento di polizia di Tirana, gridava ``"Abbasso i comunisti '' e ``"Rama vattene '' all'indirizzo del premier in carica.

I giovani guastatori

Ragazzi giovanissimi si sono dedicati a operazioni da guastatori dell'arredo urbano abbattendo i pali della segnaletica stradale. Parliamo di gruppi inferiori per numero rispetto a quelli in azione nelle scorse notti.

Le cause della protesta

Le proteste seguono la morte a Tirana del giovane Klodian Rasha raggiunto dai proiettili esplosi da un poliziotto nelle ore di coprifuoco. Nonostante l'arresto dell'agente e le dimissioni del ministro degli interni la folla sembra motivata da ragioni politiche di ripulsa totale verso il governo in carica.

Scontri nel pieno centro della capitale

Durante i quattro giorni di protesta, centinaia di persone hanno lanciato pietre, razzi e petardi contro la polizia a guardia degli edifici pubblici, compresi gli uffici di Rama. Hanno danneggiato semafori, segnali stradali deturpando anche la piazza principale di Tirana intitolata a Skanderbeg. La polizia ha risposto con gas lacrimogeni e idranti.