ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Carcere per gli attivisti per la democrazia a Hongkong

Di redazione italiana
euronews_icons_loading
Carcere per gli attivisti per la democrazia a Hongkong
Diritti d'autore  ANTHONY WALLACE/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Gli attivisti di Hongkong Joshua Wong, Agnes Chow e Ivan Lam sono stati condannati al carcere mercoledì per aver organizzato una protesta antigovernativa non autorizzata lo scorso anno presso il quartier generale della polizia della città.

Wong, che si è dichiarato colpevole di aver organizzato e partecipato alla protesta, ha avuto 13 mesi e mezzo. Chow, che si è anche dichiarato colpevole di aver partecipato alla protesta e di aver incitato altri a prenderne parte, è stato condannato a 10 mesi, mentre Lam 7 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di istigazione.

La protesta si è svolta il 21 giugno dello scorso anno e ha visto migliaia di persone circondare il quartier generale della polizia mentre manifestavano contro l'eccessiva forza della polizia contro i manifestanti, e contro il disegno di legge sull'estradizione che è stato poi ritirato e che avrebbe consentito l'estradizione dei sospetti nella Cina continentale.

Il trio era membro dell'ormai defunto gruppo politico Demosisto. È la prima volta che Chow, 23 anni, viene condannato al carcere. Wong, 24 anni, e Lam, 26 anni, erano stati precedentemente incarcerati per il loro attivismo politico.

La loro incarcerazione arriva mentre Pechino rafforza il controllo sulla città semiautonoma dopo mesi di proteste antigovernative dello scorso anno, cfinite spesso in violenti scontri tra manifestanti e polizia.

Tra giugno 2019 e ottobre di quest'anno, oltre 10.000 persone sono state arrestate per le proteste. A giugno, Pechino ha imposto a Hong Kong una legge radicale sulla sicurezza nazionale per reprimere dissenso e sostenitori della democrazia come il magnate dei media Jimmy Lai.

L'incarcerazione di Wong, Chow e Lam ha avuto dure critiche da parte di Amnesty international, che ha affermato che `` devono essere rilasciati immediatamente e incondizionatamente.

Accuse fatte su basi ideologiche e minacce da parte del governo
Amnesty international

``"Ancora una volta, il governo ha usato l'accusa politica di ``incitare gli altri a protestare per perseguire persone che si sono limitate a parlare e protestare pacificamente'', ha detto il direttore regionale del gruppo Asia-Pacifico, Yamini Mishra. Prendendo di mira noti attivisti del movimento di protesta in gran parte senza leader di Hong Kong, le autorità stanno inviando un avvertimento a chiunque osi criticare apertamente il governo lasciando intendere che potrebbero essere i prossimi".

Risorse addizionali per questo articolo • con agenzie