ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Israele e EAU, adesso si viaggia senza bisogno del visto

euronews_icons_loading
Israele e EAU, adesso si viaggia senza bisogno del visto
Diritti d'autore  Nir Elias/NIR ELIAS
Dimensioni di testo Aa Aa

Viaggiare senza bisogno del visto, la normalizzzaione dei rapporti tra Israele e Emirati Arabi Uniti passa anche da qui.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha dato il benvenuto alla delegazione emiratina, questo martedì 20 ottobre. Alla firma dell'accordo erano presenti anche funzionari dell'ammministrazione statunitense.

Oggi stiamo facendo la storia
Il premier israeliano Benjamin Netanyahu

"Il mio staff mi ha scritto alcune righe, hanno iniziato dicendo" oggi stiamo letteralmente assistendo alla storia in divenire "e io ho detto assolutamente no! Oggi stiamo FACENDO la storia. Stiamo facendo la storia in un modo che durerà per generazioni. Questo è la prima visita ufficiale degli Emirati Arabi Uniti in Israele. È la prima volta dalla firma dello storico accordo alla Casa Bianca che il governo di Israele e gli Emirati Arabi Uniti firmeranno accordi concreti di cooperazione pratica ".

Netanyahu ha annunciato anche altri accordi volti a tutelare investimenti, tecnologia e aviazione civile.

Il ministro delle Finanze Obaid Humaid al Tayer ha salutato l'intesa di oggi frutto degli accordi firmati alla Casa Bianca lo scorso settembre:

"Sono lieto di vedere che abbiamo ottenuto progressi significativi tra i nostri governi dallo storico accordo di pace degli accordi di Abrahamo. Gli Emirati Arabi Uniti continueranno a essere leader regionali in termini di riforme economiche, apertura e commercio internazionale, stabilità politica e processo di pace".

I ministri degli Esteri delle due parti si sono incontrati a Berlino nei giorni scorsi dove hanno visitato il memoriale dell'Olocausto.

Gabi Ashkenazi e lo sceicco Abdullah bin Zayed al-Nahyan si sono salutati osservando scrupolosamente le misure anticovid. Si è trattato del primo faccia a faccia dopo che i loro Paesi, un tempo nemici di lunga data, hanno firmato un accordo mediato dagli Stati Uniti a metà settembre per normalizzare le relazioni.