EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Libia, "un miracolo" i negoziati di pace in corso tra le fazioni

Negoziati in Libia
Negoziati in Libia Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Negoziati di pace in Libia: al centro degli incontri il cessate il fuoco e l'allontanamento dei soldati mercenari

PUBBLICITÀ

La tregua in Libia è stata decisa il 23 ottobre scorso a Ginevra, l'impegno ad attuare un cessate il fuoco permanente è stato rilanciato in queste ore in occasione dei negoziati libici del Comitato militare congiunto, che riunisce attorno a un tavolo cinque rappresentanti dell’Esercito Nazionale Libico (LNA) e altrettanti membri dell'esecutivo di Tripoli, noto come Governo di Accordo Nazionale (GNA).

"Siamo qui a Ghadames, dove il comitato miltare deve essere, all'interno del vostro Paese, con questa determinazione ad attuare l'accordo di cessate il fuoco. Determinazione che è presente", dice l'inviata speciale dell’Onu ad interim, Stephanie Williams. 

Ora le riunioni entrano nel vivo: **all'ordine del giorno le modalità della tregua, la formazione di sottocommissioni volte a facilitare il ritiro di forze militari nell’Ovest di Sirte e l’allontanamento di mercenari stranieri. **

In questo modo, potranno essere riaperte ulteriori vie di comunicazione tra la Libia orientale, occidentale e meridionale. Sul tavolo anche gli ultimi sviluppi in materia economica, militare e politica, nonché nel settore dei diritti umani: sono state prese in considerazione le richieste avanzate dalle varie fazioni, che saranno valutate nelle discussioni del 9 novembre.

Williams ha sottolineato come le delegazioni libiche siano state protagonoste di "un miracolo”, in quanto si sono mostrate in grado di superare ogni tipo di pressione e difficoltà, con il fine di favorire l’unità e la pace in Libia. A detta dell’inviata speciale, adesso spetta alla classe politica libica nel suo insieme, e non ai singoli partecipanti all’incontro, preservare gli interessi libici, al di sopra di qualsiasi interesse personale o regionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Accordo raggiunto per cessate il fuoco permanente in Libia

Libia, al Sarraj all'Onu: "Regioni senza armi affinché la tregua duri"

Genocidio Srebrenica: la marcia della pace per ricordare le vittime del massacro del 1995