ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nagorno-Karabakh: Armenia, Azerbaigian ancora accuse dopo nuovi attacchi

euronews_icons_loading
Nagorno-Karabakh: Armenia, Azerbaigian ancora accuse dopo nuovi attacchi
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Non si arrestano i bombordamenti alla periferia di Stepanakert, nome armeno della capitale del Nagorno Karabakh, chiamata invece Khankendi dagli azeri.

E questo nonostante le varie tregue negoziate e finite come una scritta sul bagnoasciuga.

Gli ultimi bombardamenti hanno colpito anche l'ospedale, la dottoressa Nara Sargsyan era all'interno del nosocomio quando è partito l'attacco.

"L'Azerbaijan ha preso di mira l'ospedale pubblico e il reparto di maternità, durante i bombardamenti ero in ospedale, non ci sono state vittime, ma feriti e fisicamente e a livello psicologico".

Gli abitanti continuano a abbandonare le proprie abitazioni. Straziante la testimonianza che potete vedere sul video qui sopra di una anziana donna costretta a lasciare la propria casa.

"Non partirei, starei volentieri a casa mia ma ci hanno detto che dobbiamo lasciare le nostre abitazioni perché gli azeri bombardano i nostri villaggi".

Intanto l'esercito azero ha registrato bombardamenti da parte armena nelle aree di Terter e Gubadli.

E questo dopo i colloqui a Ginevra tra i ministri degli Esteri armeno e azero alla presenza degli inviati di Francia, Russia e Stati Uniti.

L'accordo raggiunto dalle parti dopo la mediazione del Gruppo di Minsk non è riuscito a raggiungere quella che sarebbe la quarta tregua dall'inizio dei combattimenti, lo scorso ​​27 settembre.

Ha superato quota 1.000, il bilancio delle vittime in quelli che sono i peggiori combattimenti nel Caucaso meridionale degli ultimi 25 anni

Il Nagorno-Karabakh è internazionalmente riconosciuto come parte dell'Azerbaigian ma i suoi abitanti sono in larga maggioranza armeni.

Nella guerra degli anni Novanta (1991-1994) circa 30.000 persone sono rimaste uccise.

L'Azerbaigian rifiuta qualsiasi soluzione che lascerebbe agli armeni il controllo dell'enclave, che considera occupata illegalmente, considera il territorio come parte integrante del Paese e dgiustifca i suoi interventi dicendo che la popolazione ha bisogno di essere tutelata e protetta.