EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Libano, a Saad Hariri un nuovo incarico per formare il governo

Libano, a Saad Hariri un nuovo incarico per formare il governo
Diritti d'autore Hussein Malla/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Hussein Malla/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il tre volte ex premier torna sulla scena politica che aveva lasciato l'anno scorso travolto dalle contestazioni popolari e annuncia un "gabinetto che conterrà le indicazioni della roadmap proposta dalla Francia"

PUBBLICITÀ

L'ex premier libanese Saad Hariri ha ricevuto l'incarico di formare il nuovo governo. L'uomo politico che un anno fa era uscito di scena sotto la spinta delle contestazioni popolari, è tornato ad essere una figura che potrebbe diventare capace di raccogliere il consenso dei leader politici libanesi.

"Ringrazio i miei colleghi parlamentari, e soprattutto quelli che mi hanno onorato nominandomi per formare un gabinetto di esperti non politicamente connotati, con la missione di preparare le riforme economiche, finanziarie e amministrative contenuta nella roadmap dell'iniziativa francese".

La formazione del futuro governo permetterà al Libano di accedere ai fondi promessi dopo l'esplosione del 4 agosto scorso dal Fondo monetario internazionale, subordinati tuttavia all'avvio di profonde riforme economiche e legislative.

Dell'esecutivo, Hariri aveva parlato anche con il presidente francese Macron, il quale ha deciso di intervenire in prima persona nella gestione della crisi, una scelta che parte dei libanesi ha criticato, liquidandola come "politica neocoloniale".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morire in fila per la benzina, succede ancora in Libano

I funerali del giornalista Issam Abdallam. Libano: due civili uccisi dai bombardamenti israeliani

Beirut, proteste nel terzo anniversario dell'esplosione al porto che causò 220 vittime