Alimenti e salute: Germania e Francia tornano a premere per il Nutriscore, alternativa dall'Italia

Nutriscore
Nutriscore   -  Diritti d'autore  EN
Di euronews

L'Italia ha sempre bloccato in ambito europeo le proposte volte a indicare "a semaforo" la salubrità degli alimenti, perché avrebbero danneggiato le produzioni tradizionali. Parametri troppo semplicistici, forse superabili con la app proposta da una startup italiana

Più volte nell'Unione europea si è discusso di un sistema a semaforo, il cosiddetto Nutriscore, per allertare i consumatori sulle qualità nutrizionali del cibo: dibatttito sempre stoppato da alcuni Paesi, Italia in primis, i cui prodotti ne risulterebbero danneggiati.

Ed è quindi dall'Italia che una startup propone un approccio diverso, come spiega Andrea Cattaneo:

"Noi crediamo che il focus sia più nutrizionale, per l'interesse dei consumatori più che per l'interesse dei produttori e delle aziende. Ragion per cui ragioniamo sempre in termini di complessità e di integrazione di informazioni diverse. Il limite del Nutriscore è comunque il fatto che rischia di essere un po' troppo semplicistico".

Si chiama Oplà la app lanciata da Cattaneo con tre amici, e consente ad ogni utilizzatore di adattare al proprio profilo le indicazioni nutrizionali. Non solo quindi la quantità di grassi, sale e zuccheri come nel Nutriscore, ma indicazioni anche sulla quantità di trattamenti industriali per esempio, e avvisi in funzione delle allergie indicate o anche sulla frequenza di consumo. Perché si sa che qualsiasi prodotto diventa nocivo se consumato in eccesso.

Nel frattempo però alcuni Paesi hanno già adottato il proprio Nutriscore, e tornano a spingere per una soluzione europea.

"Uno score valuta un prodotto singolo - spiega ancora Cattaneo - e diverse zone d'Europa, diverse regioni d'Europa ma anche all'interno di un singolo Paese, hanno abitudini alimentari e diete completamente diverse. Ragion per cui è difficile ridurre a un'unica informazione. Dev'essere una questione che viene portata avanti di concerto: dai singoli Stati, dai ministeri della Salute, vanno fatti i progetti di educazione nutrizionale, accompagnati dai progetti di semplificazione".

Come per altre app basate sul Nutriscore, inquadrando con lo smartphone il codice a barre del prodotto vengono fornite tutte le indicazioni nutrizionali con un un giudizio sintetico. Oplà come detto tenta di adattarsi maggiormente alle caratteristiche del consumatore, e quest'ultimo può facilmente aggiungere un qualsiasi prodotto eventualmente assente dal database.

Notizie correlate