EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Nagorno-Karabach, Cavusoglu: "Pronti a intervenire a fianco dell'Azerbaigian"

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu
Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu Diritti d'autore ADEM ALTAN/AFP
Diritti d'autore ADEM ALTAN/AFP
Di Euronews Agenzie:  Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il ministro degli Esteri turco ha incontrato Luigi Di Maio alla Farnesina: al centro dei colloqui anche la Libia e le tensioni tra Ankara e Atene nel Mediterraneo orientale

PUBBLICITÀ

Il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha incontrato alla Farnesina il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu. Al centro dei colloqui la situazione in Libia, le tensioni nel Mediterraneo orientale tra Ankara ed Atene e l'escalation nella regione del Nagorno-Karabakh: Cavusoglu ha ribadito il sostegno turco all'Azerbaigian.

"Turchia pronta a intervenire a fianco dell'Azerbaigian"

"Come ha detto il presidente azerbaigiano, l'Armenia deve ritirarsi da questi territori affinché l'Azerbaigian dichiari un cessate il fuoco - ha detto Cavusoglu - si tratta di un appello assolutamente legittimo. L'Azerbaigian non ha chiesto un sostegno concreto da parte della Turchia. Ha le sue capacità in campo militare, le sta rafforzando da anni. Ma se questo problema non sarà risolto e l'Azerbaigian ce lo chiedesse, non esiteremmo a dare il nostro sostegno".

In un colloquio telefonico con il ministro degli esteri azerbaigiano, Jeyhun Bayramov, Di Maio ha espresso profonda preoccupazione per l'intensità degli scontri, che hanno già causato numerose vittime, anche civili.

L'Italia, ha detto Di Maio, "promuove un più ampio dialogo tra Turchia e Ue". Ricordando che ieri il Consiglio europeo ha "concordato l'avvio di un'agenda politica positiva con la Turchia", il titolare della Farnesina ha sottolineato che l'Italia considera la Turchia "un interlocutore chiave dell'Ue sul fronte della sicurezza e del fenomeno migratorio".

Mediterraneo orientale: "Definire le giurisdizioni marittime"

Per quanto riguarda le tensioni nel Mediterraneo orientale, Di Maio ha ribadito che "l'Italia come stato Ue è solidale con Grecia e Cipro", ma allo stesso tempo "bisogna affrontare le cause profonde delle tensioni, a partire dalla definizione delle giurisdizioni marittime, fornendo sostegno alla presidenza tedesca dell'Ue e all'Alto commissario per creare un spazio politico per il dialogo nel Mediterraneo orientale".

Libia: "Ruolo di al-Sarraj fondamentale"

 Sul fronte libico Di Maio ha detto che "la scelta di al-Sarraj di annunciare le sue dimissioni" è stata una scelta di "coraggio e responsabilità". Anche se, ha sottolineato Di Maio, "noi subordiniamo questa scelta ad nuova architettura istituzionale in Libia. Finché non le parti non raggiungeranno un accordo su questo, il ruolo di Sarraj è fondamentale".

Nel colloquio con Cavusoglu si è parlato anche dei preparativi per il terzo vertice intergovernativo italo-turco, previsto per il primo trimestre del 2021.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arrestato in Italia il boss della mafia turca Baris Boyun accusato di terrorismo

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi

I cristiani ortodossi celebrano la Pasqua: in Georgia veglia di protesta a lume di candela