ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Amsterdam contro Airbnb: ha stravolto il mercato immobiliare

euronews_icons_loading
Amsterdam contro Airbnb: ha stravolto il mercato immobiliare
Diritti d'autore  Eric Risberg/ AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Calma piatta ad Amsterdam, città famosa nel mondo per la sua vita notturna, il numero dei turisti quest'anno come in quasi tutte le grandi città europee è crollato a causa della pandemia. Ma le strade semideserte non hanno placato il desiderio di controllo sul mercato degli affitti a breve termine da parte delle autorità locali. Ora, come prima, i sindaci di Parigi, Berlino e Amsterdam vogliono maggiori poteri per frenare il fenomeno Airbnb.

“I cittadini si lamentano molto del chiasso e della trasformazione dei loro quartieri a causa di questo nuovo tipo di turismo – racconta Albert Eefting, responsabile del programma alloggi del comune di Amsterdam -. L'aumento sregolato degli affitti a breve termine sta creando una vera e propria emergenza abitativa – aggiunge - perché ad Amsterdam l'offerta immobiliare è molto limitata. Se tutti gli appartamenti residenziali venissero trasformati in stanze per turisti, prima o poi non si avrebbero più appartamenti dove vivere. Se esistono gli hotel ci sarà motivo?” conclude Eefting.

Nel dicembre dello scorso anno, la Corte di giustizia europea a scanso d'equivoci aveva decretato Airbnb una piattaforma online e non una società immobiliare. Ciò significa che non è sottoposta alla stessa legislazione che regola il settore immobiliare. Ma la Commissione europea intende comunque incrementare il controllo delle società online con una nuova direttiva sui servizi digitali .

"Tanto per iniziare – propone Eefting - credo che vada imposto un limite al numero legale di notti per gli affitti a breve termine. Un appartamento residenziale non si può utilizzare come hotel, perché gli affitti di lungo termine hanno uno scopo sociale che va tutelato – spiega l'amministratore olandese - Io credo che se si ponesse un numero di notti limite per Airbnb sarebbe molto semplice fare dei controlli: basterebbe rendere accessibile il sistema di prenotazione online."

"Le persone comuni non possono permettersi di comprare una casa in questo momento – denuncia una giovane residente della città olandese - perché gli appartamenti sono molto costosi e quelli piccoli che hanno prezzi più accessibili sono tutti presi da chi è nel business degli affitti a breve durata tipo Airbnb, ma non solo."

La piattaforma Airbnb ha promesso piena collaborazione con le autorità locali e quelle europee, anche se finora sembrerebbe trattarsi di un impegno solo a parole.

Ad Amsterdam invece i residenti vogliono vedere presto anche i fatti.

"Non dimentichiamo che Airbnb era nato come un sistema di scambio di case solo durante i periodi di vacanza – ricorda un'altra residente di Amsterdam. Partire e affittare la propria casa durante l'assenza. Così sì che aveva senso."