EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

AirBnb sponsor olimpico: albergatori francesi su tutte le furie

AirBnb sponsor olimpico: albergatori francesi su tutte le furie
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli albergatori transalpini hanno deciso di sospendere la loro partecipazione all'organizzazione dei Giochi Olimpici del 2024, a causa della sponsorizzazione del portale online per le prossime cinque Olimpiadi

PUBBLICITÀ

Il partenariato tra AirBnb e le Olimpiadi non piace a tutti. Gli albergatori francesi hanno annunciato l'intenzione di "sospendere la loro partecipazione" all'organizzazione dei Giochi Olimpici di Parigi 2024. L'ha dichiarato Laurent Duc, presidente della sezione alberghiera dell'Union des métiers et des industries de l'hôtellerie (Umih), in occasione del 67° congresso, in corso a Biarritz, nei Paesi Baschi transalpini. Il motivo è proprio l'alleanza tra il portale online e il Comitato Olimpico Internazionale. Per loro la sponsorship è "totalmente irrispettosa nei confronti delle professioni alberghiere".

Una protesta, insomma, contro quella che, invece, il presidente del Cio, Thomas Bach, aveva definito come una "partnership innovativa, che è alla base della nostra strategia, per garantire che l'efficiente organizzazione dei Giochi Olimpici sia sostenibile e lasci un'eredità per la comunità ospitante".

La sindaca di Parigi, Anne Hidalgo - in guerra con la piattaforma dall'inizio del suo mandato - aveva avvertito il presidente del Cio, attraverso una lettera nella quale denunciava uno ad uno i pericoli di AirBnb: aumento degli affitti, carenza degli alloggi, perdite per il settore immobiliare.

La piattaforma di affitti a breve termine è diventata sponsor ufficiale delle Olimpiadi, per 500 milioni di dollari, per le prossime cinque edizioni di Giochi Estivi e Invernali: da Tokyo 2020 fino a Los Angeles 2028, passando per Pechino 2022, Parigi 2024 e Milano-Cortina 2026. Grazie a quest'intesa, AirBnb fornirà centinaia di migliaia di sistemazioni per ospiti, familiari e sponsor, tagliando così alcuni costi importanti al Cio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Amsterdam contro Airbnb: ha stravolto il mercato immobiliare

VivaTech 2024: l'AI al centro dell'attenzione alla fiera tecnologica francese

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"