EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

In Francia arriva il Braccialetto elettronico contro i femminicidi

In Francia arriva il Braccialetto elettronico contro i femminicidi
Diritti d'autore Francois Mori/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Francois Mori/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Francia arriva il Braccialetto elettronico contro i femminicidi. Proteggerà le vittime dagli aggressori

PUBBLICITÀ

Era stato annunciato e ora è in vigore. In Francia arriva il braccialetto contro le violenze domestiche. Secondo le autorità lo scorso anno sono 146 donne uccise da mariti o ex compagni. Un aumento rispetto alle 121 del 2018. Ora questo dispositivo sarà in grado di geolocalizzare un consorte violento, lanciare un allarme caso di avvicinamento alla sua vittima. Un grande passo in avanti contro ogni abuso ha dichiarato il Ministro della Giustizia francese Eric Dupond-Moretti.

Il braccialetto sarà inizialmente utilizzato in solo cinque dipartimenti, per passare al 31 gennaio all’intero territorio francese. L'annuncio è stato fatto dal ministero della Giustizia. L'amministrazione penitenziaria ha già la capacità operativa per gestire 1.000 di questi dispositivi.

Come funziona il bracciale elettronico

A ogni vittima di abusi sarà consegnato un braccialetto elettronico che invia un segnale attraverso il quale l'aggressore viene rintracciato. Quindi la parola passerà a un giudice che dovrà determinare il perimetro in cui si può muovere il sorvegliato intorno alla vittima. Questo braccialetto permette alla vittima di agire in ogni momento, senza la necessità di avere un telefono a disposizione e senza perdere tempo prezioso nel fare una chiamata alla centrale di polizia.

Lo scorso novembre sui muri di Parigi erano apparsi migliaia di foto, lettere, manifesti per dire stop al femminicidio. Un gesto di denuncia delle attiviste d’oltralpe chiamate “le incollatrici”, un movimento che ha fatto il giro del mondo, arrivando anche in Italia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il sangue delle donne al Colosseo, Parigi, Sarajevo...

Nuova Caledonia: rimpatriati i turisti, sette i morti per gli scontri nell'arcipelago

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"