ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Ley de memoria democratica" per fare i conti col franchismo

euronews_icons_loading
euronews
euronews   -   Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Consiglio dei ministri spagnolo ha approvato il testo preliminare della Legge sulla memoria democratica, che punta a risarcire integralmente le vittime della Guerra civile e della dittatura franchista. Le nuove norme prevedono tra l'altro la trasformazione della Valle de los caidos, il mausoleo voluto da Franco, in cimitero civile, con le spoglie delle vittime di entrambi i fronti, e aperto a scopi didattici

La vice-premier Carmen Calvo commenta le parole chiave del provvedimento: "Riconoscimento, riparazione, dignità e giustizia per le vittime, per i nostri connazionali che, nei momenti difficili, hanno combattuto contro il fascismo e in molti casi hanno perso la vita in tanti modi: in esilio, in prigione, sotto la repressione vergognosa della dittatura e che la democrazia non può dimenticare".

Secondo stime recenti, furono più di mezzo milione le vittime della guerra civile scoppiata nel 1936, quando la destra fascista guidata d al generale Francisco Franco non riconoscendo il risultato delle libere elezioni che avevano premiato il Fronte popolare, mise in atto un colpo di stato contro le istituzioni repubblicane.

Nel 1939 il dittatore riuscì a sconfiggere la resistenza e si insediò al potere, dove rimase fino alla morte, nel 1975. La Ley de memoria democratica che ora dovrà venire discussa in parlamento, prevede la creazione di una banca del DNA per favorire l'identificazione degli oltre 100.000 caduti rimasti ancora senza nome, ma anche la revisione dei processi politici celebrati durante la dittatura.