ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le speranze della Libia col cessate il fuoco in tutto il paese

euronews_icons_loading
Le speranze della Libia col cessate il fuoco in tutto il paese
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre venti minacciosi soffiano ancora sul Mediterraneo orientale in Libia c'è una schiarita col presidente del Governo di accordo nazionale libico (Gna) di Tripoli, Fayez al Sarraj, e il presidente del Parlamento di Tobruk, Aguila Saleh, che hanno dichiarato un cessate il fuoco bilaterale sull'insieme del territorio libico aprendo a un processo politico che porterà a elezioni legislative e presidenziali in marzo. I due fronti, finora in aperta guerra, lo hanno annunciato in simultanea con dichiarazioni separate.

"Cessate il fuoco"

"Chiediamo a tutte le parti di osservare il cessate il fuoco immediato e fermare tutte le operazioni militari in tutta la Libia": ha chiarito in una dichiarazione il presidente del parlamento libico dell'Est, Saleh. La pacificazione della Libia è un passaggio capitale per sanare le ferite aperte del paese, per la questione umanitaria nel Mediterraneo e per intavolare trattative economiche interessanti per tutti.

I tentativi di pacificazione delle cancellerie europee

La distensione alla quale hanno lavorato tante cancellerie europee (come quelle di Parigi e Roma) senza risultati definitivi, dovrebbe anche ridurre la presenza di mercenari e trafficanti di esseri umani. Il capo del Consiglio presidenziale del governo di accordo nazionale libico ha inoltre annunciato prossime elezioni nel Paese, ribadendo "la sua richiesta di elezioni presidenziali e parlamentari del prossimo marzo sulla base di un'adeguata base costituzionale su cui le due parti concordino".

Via i mercenari

Il cessate il fuoco dovrebbe tagliare la strada a ogni ingerenza estera e espellere le milizie di mercenari che infestano il Paese. Uno sforzo proprio per voltare pagina anche perché il paese è allo strette. Bisogna riprendere la produzione e l’esportazione di petrolio e destinare i proventi a un conto della Banca estera libica da cui si potrà attingere solo dopo un accordo politico completo sulla scia dei risultati della conferenza di Berlino e in piena trasparenza come chiede il Governo di Tripoli.

L'Italia sorride

L'Italia "accoglie con grande favore" il cessate il fuoco in Libia e "continuerà a svolgere il suo ruolo attivo di facilitazione per una soluzione politica alla crisi". E' quanto si legge in una nota della Farnesina. L'Italia "esorta tutte le parti interessate a dare un seguito rapido e fattivo al percorso delineato nei comunicati del Consiglio Presidenziale e dalla Camera dei Rappresentanti" e "auspica una concreta applicazione a tutte le articolazioni dell'industria petrolifera libica su tutto il territorio del Paese". I