ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La diaspora libanese in Francia si mobilita per aiutare Beirut

euronews_icons_loading
Porto di Beirut, cosa resta dopo l'esplosione
Porto di Beirut, cosa resta dopo l'esplosione   -   Diritti d'autore  ANWAR AMRO/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Un rapporto verticale con il mandato francese in Libano prima, un legame orizzontale tra Stati fratelli poi. Nel momento più buio, Parigi e Beirut stringono le maglie delle loro relazioni e il passato che li ha uniti è alla base della prossimità attuale.
La Francia è uno dei principali partner commerciali del Libano e quasi 5.000 aziende francesi esportano in il Libano.
Negli anni passati, gli investimenti diretti francesi nel Paese dei Cedri sono stati pari a oltre mezzo miliardo di euro.
Secondo i dati dell'Istituto nazionale francese di statistica (INSEE), in Francia vivono attualmente circa 37.600 libanesi. Una diaspora che rende ancora più forte il legame.

Raccolte di denaro e beni essenziali dei libanesi in Francia

Molti libanesi in Francia stanno promuovendo raccolte di denaro e beni essenziali per aiutare i loro concittadini in difficoltà dopo l'esplosione di Beirut del 4 agosto.

Secondo un'indagine del 2018 di Information International, circa 1,3 milioni di libanesi (circa il 24% della popolazione del Paese) vivono al di fuori del Libano. "La gente del posto ha aiutato a pulire, a cercare i detriti, ad assistere i feriti e a cercare le persone scomparse. Come espatriati, possiamo aiutare solo da lontano", ha detto a Euronews Raymond Hajj di "Meghterbin Mejtemiin" ("Diaspora United").

La rete ha collaborato con l'organizzazione no profit Impact Lebanon che ha raccolto più di 5,8 milioni di sterline (circa 6,5 milioni di euro). Nella maggior parte dei casi, il denaro raccolto andrà alle Ong locali apolitiche, registrate e riconosciute.

"Abbiamo un team [...] che si occupa di esaminare le altre Ong e di condurre un attento esame sulla loro idoneità a ricevere i nostri fondi", ha scritto Impact Lebanon sulla sua pagina di crowdfunding, promettendo piena trasparenza.

Non ci fidiamo affatto del nostro governo". Per questo ci affidiamo alla solidarietà, perché i nostri leader spesso mancano", ha detto Hajj.
"È importante sottolineare che sono state le stesse persone, che si sono riunite il giorno dopo l'esplosione, ad aiutare. Questo è ciò che ha mobilitato la diaspora", ha spiegato Tarek Sayde, che ha promosso una raccolta di donazioni in collaborazione con il consiglio comunale della città di Limoges.

Facebook ha permesso ai singoli di avviare anche raccolte di fondi private. La studentessa libanese Rebecca Chahine è una di loro e spera di raccogliere fino a 10.000 euro attraverso Habibi Beyrouth. Promette che il denaro sarà inoltrato direttamente alle organizzazioni locali e non alle banche corrotte.
"Siamo noi, i giovani, faremo la differenza", dice.

Oltre alla raccolta di fondi, altre organizzazioni come AquiCèdre, con sede a Bordeaux, hanno cercato di raccogliere vestiti, farmaci, pannolini, ecc. Tuttavia, "in considerazione del fatto che il porto è chiuso", non hanno potuto inviare materiale e raccoglieranno denaro per la Croce Rossa francese, ha dichiarato il portavoce di AquiCèdre, Layal Massara, a Euronews.
La sua organizzazione sta anche cercando di raggiungere le università, visto che "molti studenti in Libano stanno rinunciando alla laurea per mancanza di soldi per continuare a studiare", dice.

A sostegno del Libano in tutta la Francia

"Questi momenti di unione sono importanti", dice Paul Assouad di Les Amis du Liban ("Amici del Libano") nella città francese del sud di Tolosa.

"Permette ai libanesi che sono lontani dal loro Paese di sentirsi meno isolati", dichiara a Euronews.

"Il Libano e la Francia hanno un rapporto stretto da decenni - commenta Hajj - questa è una lunga amicizia storica tra due popoli".

"La Francia è come nostra madre - aggiunge Massara, che fa riferimento alla presenza attiva della Francia in Libano nel XX secolo - impariamo il francese da bambini".

"Il nostro legame è quasi millenario", sottolinea Assouad, riferendosi ai crociati francesi che si sono stabiliti nella regione.

Alla fine della prima guerra mondiale, il Libano è stato posto sotto l'amministrazione militare francese fino alla proclamazione formale dell'indipendenza, il 22 novembre 1943.
Il ritiro delle truppe britanniche e francesi nel 1946 ha sancito la sostanziale indipendenza del Paese.

BERTRAND GUAY/AFP or licensors
Gli aiuti dalla FranciaBERTRAND GUAY/AFP or licensors

Allarme Covid

Il Libano ha dichiarato lo "stato d'allerta generale" dopo un'impennata di casi: ad affermarlo è il Ministro della Sanità del Governo provvisorio, Hamad Hassan, ipotizzando un blocco totale di due settimane.

Aiuti supplementari

Una seconda nave da carico francese, contenente aiuti umanitari e materiali da costruzione, è arrivata a Beirut per dare manforte dopo l'esplosione mortale nel porto della capitale libanese lo scorso 4 agosto.

Sono 177 persone rimaste uccise nella circostanza e più di 6.500 quelle ferite, molte delle quali per la caduta di detriti e vetri di finestre in frantumi.

Rientrata da Beirut in Ungheria la missione umanitaria dell'organizzazione Baptist Aid, i cui emissari hanno portato in loco una donazione del valore di circa 30mila euro, principalmente relativa all'assistenza nella cura dei feriti.

A Constanta, in Romania, 26.000 tonnellate di nitrato di ammonio sono in attesa di essere spedite.