ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Alasdair Bell (FIFA): "Niente di concreto contro Infantino"

Infantino, con la testa...nel pallone.
Infantino, con la testa...nel pallone.   -   Diritti d'autore  Gregorio Borgia/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

La FIFA gioca in difesa.

Il presidente del massimo organismo internazionale del calcio, Gianni Infantino, 50 anni, dalla scorsa settimana è sotto indagine in Svizzera per abuso di autorità, violazione del segreto d'ufficio, favoreggiamento e istigazione a tali atti.

Sotto inchiesta ci sono anche il Procuratore Generale svizzero dimissionario, Michael Lauber, e il Procuratore dell'Alto Vallese, Rinaldo Arnold.

Il Procuratore straordinario Stefan Keller è stato nominato a giugno, dopo le dimissioni di Lauber: il suo primo atto è stato proprio l'apertura del procedimento penale nei confronti di Infantino.

Il miglior "difensore"

Il miglior difensore di Infantino è il vice-segretario generale FIFA Alasdair Bell, scozzese, già direttore giudirico dell'Uefa, dal 2018 incaricato dell'amministrazione della FIFA.

"Sulla base di quanto ci è stato detto, non c'è nulla di serio su cui indagare. Nulla di quanto ci è stato comunicato che indichi un qualsiasi tipo di illecito, grave o meno".

"Il presidente Infantino rispetterà tutte le decisioni della Commissione etica svizzera".
Alasdair Bell
Vice-segretario generale FIFA

Nella primavera del 2019, il Procuratore svizzero Lauber finì nell'occhio del ciclone, per irregolarità durante il processo contro la FIFA e per i suoi incontri non protocollati con Infantino e Arnold.

Secondo l'Autorità di vigilanza sul Ministero Pubblico della Confederazione, il procuratore avrebbe impedito il regolare svolgersi del procedimento penale, agendo in maniera sleale e affermando il falso in più occasioni.

Lauber ha impugnato tale decisione di fronte al Tribunale amministrativo federale, senza successo.

"La FIFA ha avuto una storia assolutamente miserabile prima che Gianni Infantino venisse eletto. Era come una cleptocrazia organizzata.
Dobbiamo cambiare la cultura, dobbiamo dimostrare alle autorità giudiziarie che ora si tratta di un'organizzazione diversa".
Alasdair Bell
Vice-ssegretario generale FIFA

Secondo la Fifa, che ha sede a Zurigo, gli incontri di Infantino rano considerati "di routine" e "non è successo niente di illecito".

In carica dal 26 febbraio 2016, nonostante l'inchiesta, Infantino resta saldamente in sella alla FIFA.
Almeno per ora.

Georgios Kefalas/AP
Alasdair Bell.Georgios Kefalas/AP