ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Usa, Trump ci ripensa: "Nessun rinvio delle elezioni, ma temo le frodi"

euronews_icons_loading
Trump arriva alla conferenza stampa
Trump arriva alla conferenza stampa   -   Diritti d'autore  JIM WATSON/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

I malfidati hanno pensato che chiedesse il posticipo delle elezioni perché in ritardo nei sondaggi, quasi tutti ci hanno letto un vulnus alla democrazia americana: un autogoal per il presidente Donad Trump che ora fa dietrofront. E racconta la sua verità: sono preoccupato - dice - che il ricorso massiccio al voto per corrispondenza, legato alla crisi Covid-19, possa prestare il fianco a eventuali frodi.

"Non voglio un ritardo - dichiara ancora Trump - voglio che le elezioni si svolgano. Ma, allo stesso tempo, non voglio dover aspettare tre mesi e poi scoprire che le schede sono tutte mancanti e che le elezioni non significano nulla. Questo è quello che succederà. Questo è buon senso. E tutti lo sanno. Le persone intelligenti lo sanno. Gli stupidi potrebbero non saperlo. E alcune persone non vogliono parlarne, ma lo sanno".

Il chiarimento di Trump segue il solito controverso tweet, in cui il presidente suggeriva il rinvio delle elezioni, e il vespaio di critiche sollevato a riguardo da entrambi i partiti.
L'emergenza Covid non giustifica stravolgimento alcuno delle regole, dicono.
La data delle elezioni presidenziali è sancita dalla legge federale e richiederebbe un atto del Congresso per cambiare.

Euronews
Trump suggerisce via tweet di posticipare le elezioniEuronews

Nel frattempo, Trump continua la sua campagna e, in visita alla Croce Rossa di Washington, incoraggia le persone che hanno avuto Covid-19 a donare il plasma.
Nel tweet: "Il plasma dei pazienti recuperati da COVID contiene anticorpi che potrebbero aiutare coloro che attualmente combattono il Coronavirus. Stiamo accelerando con entusiasmo lo sviluppo di nuove terapie!".