EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Coronavirus: Trump propone di rinviare le elezioni Usa 2020

Coronavirus: Trump propone di rinviare le elezioni Usa 2020
Diritti d'autore Tony Gutierrez/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Tony Gutierrez/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  ANSA
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente twitta che un voto per corrispondenza, causa Covid-19, porterebbe a brogli

PUBBLICITÀ

Il Covid-19 rischia di far slittare l'evento politico dell'anno: le elezioni presidenziali statunitensi, in programma a novembre. A lanciare l'ipotesi è proprio chi a questo voto si presenterà per un secondo mandato. 

L'attuale presidente, Donald Trump, ha infatti avanzato l'idea, attraverso un tweet, di "rinviare" le elezioni, per paura di brogli. "Con un voto postale universale, quella 2020 sarà l'elezione più INESATTA e FRAUDOLENTA nella storia", ha postato il tycoon. "Sarebbe un grave imbarazzo per gli Usa. Rinviare l'Elezione finché le persone non potranno votare per bene, in sicurezza?".

L'inquilino della Casa Bianca ripete ormai da settimane che il voto per corrispondenza - attualmente auspicato, mentre gli Usa continuano a lottare contro la pandemia di coronavirus - porterà a frodi, ad esempio, con l'intrusione di governi stranieri, che potrebbero contraffarre "milioni" di votazioni.

Trump è attualmente sfavorito nei sondaggi, con il democratico Joe Biden, ex vice di Barack Obama, avanti di 10-15 punti. I malpensanti vedranno quindi questa proposta come una scusa per ritardare il voto e riguadagnare un po' di popolarità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dove sono le basi americane in Europa

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi

Trump accetta la nomination repubblicana: il racconto dell'attentato e i rapporti con Orbán e Russia