EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La prima "foresta climatica" d'Europa è in Ungheria: dove il "sequestro" del carbonio è un bene

La prima "foresta climatica" d'Europa è in Ungheria: dove il "sequestro" del carbonio è un bene
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Zoltan Siposhegyi
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Andiamo alla scoperta della prima foresta "climatica" d'Europa, dove tagliare un albero non è un delitto contro la natura. Perchè, con il "sequestro" e l'immagazzinamento del carbonio, la natura si rigenera più velocemente e gli alberi crescono più in fretta.

PUBBLICITÀ

La prima foresta climatica in Europa.
Si trova in Ungheria. E ha solo sei anni di vita, ma con alberi già belli grandi.

E' uno splendido esempio di Carbon Farming: cioè la possibilità di usare l'agricoltura per sequestrare (è un termine tecnico) e immagazzinare più carbonio nel suolo, abbattendo in modo significativo e progressivo i problemi di Co2.

Grazie a questo metodo si trasformano queste emissioni in un fertilizzante naturale.

Euronews Ungheria
Questo tronco ha appena sei anni di vita.Euronews Ungheria

"Una piantagione si può rigenerare molte volte"

Il team del prof. József Steier, fondatore di SUNWO, a Budapest, ci ha lavorato per 10 anni

"Una piantagione tradizionale - per esempio di quercia - si riproduce in 60-80 o anche 100 anni. Nel nostro caso, la piantagione può essere rigenerata tre o quattro volte in 30 anni", spiega il prof. Steier.

Euronews Ungheria
Il professor Steier durante l'intervista a Euronews.Euronews Ungheria

Il sogno? Rigenerare il Sahara!

Il sogno del prof. Steier è addirittura quello di rigenerare parti del deserto del Sahara e sembra che abbia gli strumenti per farlo.

L'intero concetto consiste in uno sviluppo specifico di bio-motori (ibrido vegetale) e in una sofisticata tecnologia di risparmio idrico (che ha ridotto il consumo di acqua per l'irrigazione del 50%). Il lavoro di ricerca ha legami africani (con il Marocco), un'etichetta di innovazione della Conferenza delle Parti (COP 22) e alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC, 2016).

La piantagione di carbonio ha 27 valori diversi che soddisfano pienamente gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

➡️ Assorbimento e fissazione di carbonio

Euronews Ungheria
Con questo metodo, tagliare un albero non è un delitto contro la natura.Euronews Ungheria

Una nuova era, per combattere i cambiamenti climatici

"In appena sei anni siamo riusciti a far crescere un tronco lungo 45-54 cm di diametro e alto 6 metri con circa il 30% di biomassa (volume) nella corona. Così il sequestro del carbonio si è avvicinato alle 100 tonnellate/ettaro/anno (rispetto alla media del paese di 13,6 tonnellate/ettaro/anno)", spiega il prof. Steier.

Steier spera davvero che questa soluzione contribuisca ad una nuova era dell'agroforesteria sostenibile, anche con la volontà di rallentare i cambiamenti climatici.

"Prodotti a km zero, ecologici e sicuri"

Il giornalista di Euronews Ungheria, Zoltán Siposhegyi, ci spiega:
"Queste porte e queste finestre, costruite con gli alberi di questa foresta climatica, sono prodotti a km zero, ecologici, pratici e, soprattutto, sicuri".

Euronews Ungheria
"Porte e finestre a km zero"...Euronews Ungheria

Risorse addizionali per questo articolo • Edizione italiana: Cristiano Tassinari

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Karácsony: "Il nostro obiettivo è dire stop all’uso del carbonio nella capitale entro il 2030"

Fibra di carbonio e ghisa, il pianoforte Boganyi rivoluziona il suono

Ungheria: primo dibattito politico in circa 20 anni, accuse alla Tv pubblica di "falsità"