ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Chicago, Trump manda l'FBI in modalità "law and order"

euronews_icons_loading
Trump durante la conferenza stampa, 22.7.2020.
Trump durante la conferenza stampa, 22.7.2020.   -   Diritti d'autore  Evan Vucci/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

A Chicago la polizia indaga su una sparatoria all'esterno di un'impresa di pompe funebri, che ha provocato 14 feriti.

E' solo l'ultima di una serie di violenze urbane che, secondo il presidente Trump, sono fuori controllo. La Casa Bianca ha deciso di inviare uno "squadrone" di agenti federali con licenza... di sicurezza nazionale.
Una vera e propria modalità in stile "Law and Order".

Dichiara Trump:

"Questa ondata di violenza scuote la coscienza della nostra nazione, e noi non staremo a guardare mentre accade. Non possiamo farlo.
I cittadini di Chicago sono cittadini americani, e hanno gli stessi diritti di ogni altro americano di vivere in sicurezza, dignità e pace".
Donald Trump
74 anni, Presidente degli Stati Uniti

A Portland l'FBI non ha funzionato

Trump ha già inviato agenti federali a Portland, nell'Oregon, a causa delle manifestazioni del movimento Black Lives Matter, poi sfociate in disordini e violenze, con la presenza anche di infiltrati e altre organizzazioni, come nel caso del corteo neofascista che ha portato all'arresto di 13 manifestanti.

Ma secondo i funzionari locali, gli 007 di Trump non hanno fatto altro che aumentare le tensioni.

Pat Nabong/2020
Lory Lightfoot, sindaca di Chicago.Pat Nabong/2020

Tre città nel mirino di Trump

Chicago, New York e Philadelphia, città a guida democratica, sono nel mirino di Trump: ormai in campagna elettorale, il presidente critica i loro sindaci per scelte che reputa sbagliate.

"Vogliamo rendere le forze dell'ordine più forti, non più deboli. Quello che queste città stanno facendo è follia assoluta. Molti degli stessi politici che vogliono tagliare le risorse per le forze dell'ordine hanno poi dichiarato che le loro città sono ormai santuari per i criminali stranieri illegali".

La criminalità è tornata a dilagare nelle metropoli americane dopo la revoca delle restrizioni causate dal Covid-19.

Ma il fuoco sotto la cenere, in realtà, non si era mai spento.