ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ultima presidenza Ue per Angela Merkel

euronews_icons_loading
Ultima presidenza Ue per Angela Merkel
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Sopravvissuta politicamente a quattro presidenti francesi e svariati primi ministri italiani, la cacelliera tedesca è ancora saldamente al potere. Ora, al tramondo della sua carriera politica, Angela Merkel assume un nuovo ruolo di leadership con la Germania alla presidenza del semestre europeo.

Nella presidenza europea tenuta nel 2007, Merkel fu determinante nella negoziazione del trattato di Lisbona.

Questa volta invece la sua missione è evitare il collasso economico dell'Unione.

"Siamo pienamente consapevoli delle grandi aspettative riposte nella presidenza tedesca - ha dichiarato Angela Merkel in conferenza stampa -. Per questo vogliamo essere all'altezza di quanto ci si aspetta da noi. Lavoriamo affinché gli Stati membri escano incolumi dalla crisi per il bene dell'Europa e del suo futuro. Solo insieme possiamo difendere i nostri valori portanti: la democrazia, i diritti umani e lo stato di diritto ".

Con la ripresa delle attività economiche, sono molti i settori che hanno bisogno di sovvenzioni pubbliche. Ma l'Unione europea è ancora alle prese con l'elaborazione delle nuove misure finanziarie per dare le garanzie ai fondi da stanziare. Un lavoro di compromesso che, secondo molti a Bruxelles, solo Merkel può riuscire a fare.

"La sua esperienza è unica, - commenta Constanze Stelzenmüller del Brookings Institution - la sua conoscenza degli altri leader europei, la sua capacità di capire l'interlocutore che ha davanti, sono qualità dovute alla sua intelligenza empatica. In particolare la Merkel in questo periodo di gestione della pandemia - prosegue l'esperta - è stata un punto di riferimento per gli stati dell'Europa dell'Est. Solo così si è potuto coordinare un piano di azione per superare la crisi a livello nazionale ma anche europeo".

Nonostante l'apertura della Merkel verso i piccoli paesi dell'Unione europea, il partner preferito resta chiaramente la Francia. Come dimostra il piano comune di risanamento dell'economia da 500 miliardi di euro presentato poche settimane fa con Emanuel Macron.

"Senza prendere in considerazione le altre capitali europee non si va molto lontano - osserva Reinhard Bütikofer, eurodeputato tedesco dei Verdi - non credo che la leadership franco-tedesca sia sufficiente per guidare l'Unione europea, ciò detto, bisogna ammettere che senza l'impegno concreto di Parigi e Berlino, non si va da nessuna parte ".

Alla vigilia della presidenza tedesca, la Merkel ha invitato Macron a Berlino in una delle più belle residenze del governo tedesco.

I due sono finiti sotto i riflettori mentre pianificavano la strategia comune per uscire dalla crisi.