EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Russia, niente prigione per il regista scomodo avversario di Vladimir Putin

Russia, niente prigione per il regista scomodo avversario di Vladimir Putin
Diritti d'autore AP/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore AP/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il pubblico ministero aveva richiesto sei anni di reclusione. È stato però condannato non poter presiedere associazioni culturali

PUBBLICITÀ

Tre anni con pena sospesa. È la condanna per il regista russo Kirill Serebrennikov oltre all'interdizione dal presiedere qualsiasi organizzazione culturale e tre anni di messa alla prova. Il pubblico ministero aveva richiest sei anni di reclusione.

Serebrennikov è una specie di star in Russia. Era accusato di appropriazione indebita. Il cinquantenne regista era sospettato di essersi intascato di 129 milioni di rubli (circa € 1,650 milioni di euro in fondi statali attraverso il progetto artistico Platforma, che è stato fondato e gestito da lui stesso tra il 2009 e il 2015 e che ricevuto 216 milioni di rubli di finanziamenti dal Ministero della Cultura Russa.

Le sue opere cinematografiche hanno generato polemiche in una gerarchia russa sempre più conservatrice. Il suo film The Student, proiettato a Cannes nel 2016, è stato visto come una dura critica alle autorità con la sua interpretazione di uno studente che diventa un fanatico religioso. Il regista ha anche criticato il trattamento da parte dello stato russo della comunità LGBTQ e il sequestro della Crimea nel 2014.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, sequestro di guardie in un carcere a Rostov: uccisi detenuti dell'Isis da forze speciali

In Russia la riunione dei ministri degli Esteri Brics, Lavrov: in aumento ruolo globale del gruppo

Russia, in manette un francese accusato di non essersi dichiarato "agente straniero"