ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Arene vuote e tori al mattatoio, anche la tauromachia è vittima del Covid-19

euronews_icons_loading
Arene vuote e tori al mattatoio, anche la tauromachia è vittima del Covid-19
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutto è iniziato nella Dehesa spagnola. Con una razza bovina ancestrale che l'uomo non è mai riuscito a domare completamente.

La famiglia di Fernando Guzman alleva tori da combattimento da un secolo: "Il toro da combattimento è una razza che è sempre vissuta allo stato semibrado - spiega l'allevatore - Discende dai primi tori che abbiamo avuto in Spagna, che sono stati catturati dagli uomini. E ciò che li caratterizza è il coraggio".

Fernando possiede un centinaio dei 100.000 esemplari di questa razza che sono oggi al mondo. Una popolazione grande quanto quella del gorilla africano, una specie minacciata. Allevati in libertà, giocano un ruolo importante nella conservazione dell'ambiente.

"Dove c'è una Dehesa di tori da combattimento c'è un'isola ecologica in mezzo alla civiltà", aggiunge Fernando Guzman Arroyo.

I tori erano pronti per entrare nell'arena, ma il confinamento dovuto alla pandemia di Covid19 ha sospeso tutte le esibizioni dei tori in Spagna. Un'industria che vale 4,5 miliardi di euro.

"I tori destinati ai combattimenti sono una razza unica - spiega il giornalista di euronews, Jaime Velazquez - Sono nati e cresciuti per l'arena, ma il calo di popolarità della tauromachia negli ultimi anni ne sta mettendo a rischio la sopravvivenza. Ora, il Covid19 potrebbe rappresentare l'ultimo chiodo sulla bara di questa storica, ma controversa tradizione".

Gli allevatori stanno cercando altri modi per salvare i tori da combattimento, come il turismo, ma anche questo mercato è fermo. Fernando spera che la tauromachia ritorni di moda, dopo la pandemia.

"I problemi che creerà a livello ambientale, culturale ed economico - sostiene Guzman Arroyo - Penso che saranno insormontabili e ci renderemo conto che se questo accadrà, sarà una catastrofe".

In Plaza de las Ventas di Madrid, l'arena più grande della Spagna è vuota: "Te ne rendi conto solo ora, quando la vedi vuota, con questo enorme silenzio - confessa il manager della struttira Rafael García Garrido - In un giorno normale questo posto sarebbe uno sciame di persone. Fuori dai bar, i ristoranti sarebbero affollati, si vedrebbero lunghe code al botteghino".

La cancellazione della stagione delle corride di Madrid comporterà una perdita di 400 milioni di euro in città. Presto saranno consentiti eventi all'aperto, ma con importanti limitazioni delle presenze

"In un locale con una capacità di 24.000 persone, potremmo ospitarne solo un migliaio", spiega Rafael García Garrido.

Nella Dehesa, questi tori attendono il loro destino. Quest'anno non sarà nell'arena, ma al mattatoio.