Regole rigide, lutto ristoratori Sanremo

Regole rigide, lutto ristoratori Sanremo
Ristoratori e baristi, costi invariati e incassi al 20%
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SANREMO, 14 MAG - Decine di titolari di bar e ristoranti della provincia di Imperia hanno appeso un drappo nero fuori dai locali celebrando un simbolico funerale delle proprie attività, messe in ginocchio dall'incertezza e da disposizioni igienico sanitarie troppo rigide. Molti infatti hanno deciso di non aprire dal 18 maggio. "A queste condizioni è impossibile -dice Gualtiero Maragni, titolare di uno stabilimento balneare-, i costi resteranno invariati a fronte di incassi del 20-30% rispetto a prima. Siamo molto preoccupati per l'estate:, siamo fuori dai flussi turistici. L'Europa punta a riaprire soprattutto verso la Croazia; le frontiere e le regioni sono chiuse e dobbiamo solo contare sul mercato interno". Stesso discorso per il ristorante Vela d'Oro che si trova dietro l'Ariston: "Questa è la fine delle nostre attività -dice la titolare Gisella Sartore-. Con le norme che ci sono imposte avremo una capienza di 5 o 6 persone". Anche per Nicò, storico ristoratore di piazza Bresca "siamo a un passo dal burrone".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

G7 a Capri, si apre la seconda giornata: in agenda aiuti all'Ucraina e l'escalation in Medio Oriente

Germania: arrestate due spie russe, volevano sabotare gli aiuti a Kiev

Operazione Shields: il comandante chiede più mezzi nel Mar Rosso