ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'industria del cinema in ginocchio. Blockbusters come "James Bond", rinviati a data da destinarsi

L'industria del cinema in ginocchio. Blockbusters come "James Bond", rinviati a data da destinarsi
Diritti d'autore  Free
Dimensioni di testo Aa Aa

Il coronavirus sta avendo un effetto devastante su coloro che operano nel settore cinematografico poiché i botteghini di tutto il mondo affrontano la perdita di miliardi e le interruzioni delle riprese hanno lasciato migliaia di persone, in un'industria prevalentemente freelance, senza lavoro.

Anche le date di uscita sono state influenzate. L'ultimo film di Bond - No Time to Die - è stato rinviato alla fine di quest'anno, mentre il remake live-action Disney di Mulan è stato posticipato a luglio.

Ma alcuni studi hanno preso una piega diversa: Universal's Trolls World Tour è stato rilasciato su piattaforme di noleggio digitali all'inizio di questo mese e ha guadagnato quasi $ 100 milioni (€ 91,9 milioni) nelle sue prime tre settimane - una cifra superiore a quella del film Trolls originale realizzato in cinque mesi nelle sale cinematografiche, secondo il Wall Street Journal.

"Il cinema classico è nei guai, ma era già nei guai comunque", ha dichiarato il vincitore di diversi Emmy Award, Doug Larmour (The Alienist; The Revenant), aggiungendo: "Molte delle produzioni minori stanno decidendo di rilasciare i loro prodotti sui servizi di streaming".

"Per le persone che possiedono il servizio di streaming, è fantastico, ma non sono i $ 10 dollari che paghi al cinema."

Il problema con la pandemia, secondo Larmour, è che alcune persone potrebbero essere "meno propense" a guardare nuovi film al cinema. Questo è stato ampiamente riportato nei giorni precedenti ad alcuni dei blocchi in Europa, e ha mostrato che i guadagni molto bassi al botteghino erano dovuti a una sensazione di riluttanza da parte dei frequentatori del cinema.

Distanziamento sociale e cinema

Oliver Meek, direttore esecutivo del Rio Cinema di Londra, ha affermato che i lavori erano già in corso per prepararsi a una riapertura socialmente distante.

La sala cinematografica indipendente di Dalston, dove la sala principale ospita 400 posti in un auditorium degli anni '30, ha pianificato diversi scenari per la vita dopo il blocco.

"Stiamo cercando dei modi per assegnare i posti in modo che tutti possano trovarsi a due metri di distanza", ha detto Meek a Euronews.

Ha aggiunto: "Questo potrebbe significare che dobbiamo scaglionare le persone che entrano, il che le mantiene più a lungo sulla porta".

"Quindi avremmo bisogno di più trailer sulla bobina e concedere più tempo tra un film e l'altro.

"Vogliamo che le persone si sentano a proprio agio, quindi speriamo che il governo rilascerà alcuni consigli dettagliati".

I cinema anche in altri paesi stanno diventando creativi. Uno di essi in Italia ha preso la decisione nel mezzo di un allentamento delle misure anti contagio, di spostare le visioni all'esterno e ha creato un drive-in per diverse centinaia di auto.

Il comune di Madrid ha finanziato un cinema mobile per le persone che guardano film dai loro balconi.

E a Vilnius, l'aeroporto ora ospita un enorme cinema drive-in.

Ma non sono tutte brutte notizie per i cinema. Sì, il distanziamento sociale avrà probabilmente un impatto ulteriore sui guadagni al botteghino, ma Larmour suggerisce che molti film con budget maggiori rimarranno fedeli alle strategie commerciali di sempre.

Esempi di questi successi potrebbero includere le uscite che si raddoppiano come "grandi eventi", hanno affermato Larmour, come qualsiasi cosa del Marvel Universe o del franchise 007.

'Al momento nessuno sta lavorando'

Nel frattempo, si stima che quasi 200.000 persone avranno perso il lavoro a causa della pandemia - un effetto che potrebbe essere prolungato mentre si apportano cambiamenti al settore.

"Il grosso problema è che al momento nessuno sta sparando a niente", ha detto Larmour. "Penso che stiano ricominciando in Svezia e Danimarca, ma non c'è nessuno che lavora nel Regno Unito, negli Stati Uniti e nella maggior parte dell'Europa continentale".

The Last Duel di Ridley Scott, Shang Chi della Marvel e Samaritan di Julius Avery sono solo alcune delle produzioni sospese dall'inizio della pandemia.

Guardando indietro a ciò che potremmo imparare dall'esito dello sciopero degli scrittori del 2007-08 - che ha visto 12.000 sceneggiatori negli Stati Uniti fermare la scrittura per 100 giorni - Larmour ha sottolineato il ritardo che ha causato quando una fase della produzione è stata interrotta.

Ha detto: "Significava che non è stato girato nulla. Poi, in seguito, mancava il lavoro".

"Ci sarà un ritardo [anche questa volta], quindi non ci sarà lavoro tra un paio di mesi per la post-produzione."

'Appena un'ora per perdere i miei contratti'

La scenografa e art director Blair Barnette (Sightseers) ha detto a Euronews che ci è voluta "un'ora" in un giorno, a metà marzo, per cancellare tutti e quattro i suoi progetti in arrivo.

Blair

"Sono quasi 40.000 £ (46.000 €) che sono scomparsi nel nulla. Dato che sono una libera professionista, non ho azioni o stock option, quindi sono stata immediatamente disoccupata senza preavviso e senza ulteriori soldi sul mio conto."

Barnette ha detto che ci sono voluti un paio di giorni prima che si scatenasse il "panico" mentre si rendeva conto che la natura del suo lavoro avrebbe significato che avrebbe potuto rimanere senza lavoro per almeno altri cinque mesi.

Ha aggiunto: "Molte persone non hanno paracadute, in quanto è abbastanza difficile mettere da parte per la maggior parte delle persone nell'industria cinematografica.

"Un sacco di gente non ha risparmi e ha anche spese generali elevate, quindi deve lavorare.

"Lo stress è sempre lì per ottenere soldi in entrata. Vedo bancarotta un sacco di gente. Altri dovranno chiudere anche se si tratta di aziende in crescita. Ci saranno difficoltà enormi per molti indipendenti."

Le riprese non saranno più le stesse

Sia Barnette che Larmour concordano sul fatto che il processo di produzione e l'industria nel suo insieme dovranno cambiare man mano che si rimettono in piedi.

Barnette ritiene che l'industria potrebbe invece mettere in atto "più protocolli e reti di sicurezza".

Questa sensazione è stata ripresa da Larmour, che ha affermato di ritenere che le riprese "non sarebbero più state le stesse" a causa del distanziamento sociale, mentre all'esordio dei lavoratori potrebbe essere richiesto di indossare maschere ed eseguire i test COVID-19 quando arrivano ogni mattina.

"Non avrai grandi folle e non avrai bisogno di tanti extra perché non sarai più in grado di contare sui guadagni di un tempo".

"In termini di restrizioni, ci saranno più persone mediche nello staff, più restrizioni sul set in ciò che puoi indossare e come interagisci con gli attori. Se un attore si ammala, l'intera produzione sarà nei guai."

Per il lavoro di post-produzione, Larmour ha affermato che è stata "davvero sorprendente" la rapidità con cui l'industria è stata in grado di passare al telelavoro, nonostante fosse generalmente riluttante a preoccuparsi della riservatezza.

Ma con i lavori in corso in blocco, ha detto, "gli studi hanno cambiato strategia e da adesso in poi potrebbero diventare più aperti nell'accettare l'editing di film da casa".