ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Trump accusato di crimine contro l'umanità per la decisione di tagliare i fondi all'OMS

Trump accusato di crimine contro l'umanità per la decisione di tagliare i fondi all'OMS
Diritti d'autore  La conferenza stampa alla Casa Bianca con i giornalisti che mantengono le distanze di sicurezza - Alex Brandon/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il direttore della prestigiosa rivista medica The Lancet ha accusato Donald Trump di "crimine contro l'umanità" per aver deciso di sospendere i finanziamenti americani all'Organizzazione mondiale della sanità nel bel mezzo della lotta globale contro il COVID-19.

"Tutti gli scienziati, tutti gli operatori sanitari, tutti i cittadini devono resistere e ribellarsi contro questo terribile tradimento della solidarietà sociale", ha scritto Richard Norton su Twitter, pubblicando il link alla notizia.

La decisione del Presidente degli Stati Uniti è stata annunciata martedì e si basa sui presunti fallimenti dell'organizzazione nella gestione iniziale della pandemia causata dal nuovo coronavirus.

Se l'OMS avesse fatto il suo lavoro, inviando esperti medici in Cina per valutare obiettivamente la situazione sul campo, e ci avesse avvertito della mancanza di trasparenza della Cina, l'epidemia avrebbe potuto essere contenuta alla fonte con pochissimi morti. In questo modo si sarebbero salvate migliaia di vite umane e si sarebbero evitati danni economici in tutto il mondo
Donald Trump
Presidente degli Stati Uniti

Trump stesso è stato criticato per il modo in cui ha sottovalutato la pandemia e la lenta reazione della sua amministrazione alla diffusione della pandemia.

Per il Segretario generale dell'ONU non è certo questo il momento di interrompere il sostegno all'OMS.

"Questo è un momento di unità, perché la comunità internazionale lavori insieme in solidarietà per fermare questo virus e le sue devastanti conseguenze", ha detto il portoghese António Guterres in una dichiarazione dell'ONU.

Quando avremo finalmente voltato pagina su questa epidemia, ci sarà un momento per guardare indietro e capire come questa malattia è emersa e ha portato devastazione così rapidamente in tutto il mondo, e come tutti i soggetti coinvolti hanno reagito alla crisi. Le lezioni apprese saranno essenziali se vogliamo affrontare efficacemente le crisi future. Ma ora non è il momento. E non è nemmeno il momento di ridurre le risorse dell'OMS o di altre organizzazioni umanitarie nella lotta contro questo virus.
Antonio Guterres
Segretario generale delle Nazioni Unite

L'appello del Segretario generale dell'ONU è stato rafforzato dalle dichiarazioni di Amesh Adalja, un esperto di malattie infettive della Johns Hopkins University, che ha seguito la pandemia quasi fin dall'inizio e ha aiutato a capire la diffusione del virus.

"Non è nel bel mezzo di una pandemia che questo genere di cose si dovrebbero fare", ha affermato Amesh Adalja, citato da Reuters in un articolo in cui riconosce diversi errori di gestione da parte dell'OMS e la necessità di una sua riforma, ma a crisi passata.

Lo scienziato della Johns Hopkins sottolinea il lavoro dell'OMS nella raccolta di informazioni sul virus in tutti i paesi del mondo, di cui gli Stati Uniti avranno bisogno per guidare le decisioni sull'apertura delle frontiere.

A New York, l'attuale epicentro del Covid-19 più importante al mondo, il governatore locale accusa Trump di comportarsi "come un re e non come il presidente di un paese democratico", imponendo decisioni sulla rinascita dell'economia statunitense e scavalcando i governatori eletti localmente.

Andrew Cuomo non ha alcuna intenzione di rispettare un possibile ordine del Presidente di rilanciare l'economia di New York durante l'epidemia.

Lo Stato di New York ha registrato oltre 200mila casi di infezione e circa 11mila decessi associati al Covid-19. Negli USA, il totale dei morti è di quasi 30mila. Si tratta del Paese più colpito dalla pandemia.