ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Maternità surrogata in Ucraina e coronavirus: quando la più grande gioia arriva nella pandemia

UKRAINE-HEALTH-VIRUS-DAILY-LIFE
UKRAINE-HEALTH-VIRUS-DAILY-LIFE   -   Diritti d'autore  SERGEI SUPINSKY/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Nadene Ghouri, cittadina britannica, mai avrebbe pensato di trascorrere in questo modo le prime sei settimane di maternità.

Rinchiusa in un appartamento nel centro di Kiev, Nadene esce di casa solo per comprare cibo e pannolini. Suo marito, Sam, è rimasto nel Regno Unito. Lei si trova bloccata in Ucraina, il confine è chiuso per la pandemia di Covid-19. Ma se anche ci fossero dei voli di ritorno a casa, suo figlio Gilbert, appena nato, non avrebbe il passaporto.

Dopo dieci anni di tentativi andati a vuoto, Sam e Nadene hanno deciso di avere un figlio tramite maternità surrogata. Hanno scelto di provarci in Ucraina. A differenza di altri Paesi, tra cui il Regno Unito, a Kiev non ci sono aree grigie: tutto è perfettamente legale, il settore ha fama di essere ben regolamentato.

Dopo la nascita di Gilbert, il 27 febbraio, la coppia ha ottenuto rapidamente un certificato di nascita ucraino e il test del DNA, come richiesto dalla legge, iniziando la trafila burocratica per ottenere il passaporto britannico.

Poi è arrivata la pandemia di Covid-19.

"Sam è dovuto tornare nel Regno Unito per un breve periodo di lavoro, con l'obiettivo di ritornare qui quanto prima", ha detto Nadene a Euronews. "Proprio quella settimana, il mondo è impazzito". L'Ucraina ha sigillato il confine e così "Sam non è più tornato, e io non me ne sono più potuta andare".

Dopo un bel po' di discussioni con le autorità britanniche, Nadene ha fatto pochi passi avanti per il passaporto di Gilbert. Ma la vera agonia è stata trascorrere le prime, preziose settimane di vita del figlio senza il marito, che si è perso tutto.

Fare il papà su Skype

"Abbiamo cercato di avere questa famiglia da più di 10 anni, e abbiamo sofferto così tanto nel frattempo. Non stare insieme è terribile. Sam guarda il suo bambino crescere ogni giorno su Skype, e non sappiamo quanto tempo ancora ci vorrà prima che possa riabbracciarlo".

Ghouri è a conoscenza di almeno altre cinque coppie britanniche che si trovano nella stessa situazione, due in Georgia - un'altra destinazione popolare per la maternità surrogata - e due negli Stati Uniti.

Nadene e Gilbert Ghouri nel loro appartamento in Ucrania. Fotografia: cortesia della famiglia

Euronews ha potuto parlare anche con delle coppie spagnole bloccate in Ucraina.

La figlia di Rafael Arias e Maria Falagan, Marta, è nata martedì a Kiev; ma mentre Rafa è riuscito a entrare in Ucraina poche ore prima della chiusura del confine, Marta è arrivata troppo tardi. Non ha potuto assistere alla nascita di Marta ed è rimasta bloccata in Spagna per i primi giorni di vita della piccola.

"Chi avrebbe mai pensato che una pandemia mi avrebbe tolto per sempre la possibilità di tenerla tra le mie braccia al momento della nascita?

L'Ucraina è una destinazione popolare tra le coppie spagnole in cerca di maternità surrogata, illegale a Madrid. A differenza del Regno Unito, la Spagna non fornisce passaporti ai bambini nati all'estero attraverso la maternità surrogata. Le coppie di genitori devono richiedere il passaporto ucraino per poter portare i loro figli in Spagna.

Ma poiché Marta è nata dopo la chiusura delle frontiere in Ucraina, Rafael e Maria non hanno potuto ottenere i documenti necessari. Un'altra coppia, Gema García e José Antonio Sánchez, è intrappolata in Ucraina dall'8 marzo, il giorno in cui è nata la loro bimba.

"L'amministrazione ucraina è chiusa e i documenti non possono essere processati online", indicano García e Sánchez a Euronews. "In alcuni casi e in certi momenti aprono, ma non è facile ottenere la documentazione necessaria per lasciare il Paese".

La situazione è tutt'altro che semplice anche per chi è riuscito ad ottenere la documentazione necessaria.

Luz Marin e Sergio Aznar sono arrivati a Kiev il 5 marzo, tre giorni prima della nascita del figlio Sergio. Senza voli in partenza dall'Ucraina fino al 25 aprile, sono rimasti bloccati in città.

"Il governo spagnolo non ci dà alcun tipo di aiuto, rimandandoci sempre ad una circolare dell'anno scorso nella quale si dice che non è possibile registrare i bambini nati da spagnoli qui in Ucraina a causa della maternità surrogata. Chiediamo una misura eccezionale di fronte a una situazione eccezionale, ma non ci danno risposta e non ci offrono alcuna alternativa".

Secondo una Ong - la Piattaforma per la protezione dei bambini nati in Georgia e Ucraina (APINGU) - attualmente a Kiev ci sono 20 famiglie spagnole bloccate senza sapere quando potranno tornare a casa.

Tutti coloro a cui si è rivolta _Euronew_s hanno chiesto al governo spagnolo una lasciapassare speciale per poter riportare a casa i loro figli. Nessuno ha ricevuto risposta.

Per Nadene e Sam, il processo per cercare di far avere a Gilbert il passaporto britannico è stato kafkiano: mentre il Ministero degli Esteri britannico si è offerto di fornire al bambino i documenti di emergenza per consentirgli di partire, l'Ufficio passaporti britannico si è rifiutato di farlo in assenza di passaporto.

Come le coppie spagnole, i due inglesi vogliono semplicemente che le autorità britanniche agiscano, e lo facciano rapidamente.

"Qui siamo a rischio. Sono da sola e ogni volta che devo andare al supermercato a comprare da mangiare devo portare con me un neonato", conclude Nadene. "Il rischio maggiore è quello di ammalarsi, con l'aumentare giornaliero dei casi qui a Kiev. È un cittadino britannico, è un bambino britannico. Ci deve essere un po' di clemenza".